Le recensioni di “ateatro”: Finale di partita di Samuel Beckett

Regia di Lorenzo Loris. Produzione Out Off

Pubblicato il 15/12/2003 / di / ateatro n. 061 / 0 commenti /
Share

L’’opera di Samuel Beckett –- così vicina alla percezione del disastro e alla necessità del silenzio -– è stata per decenni la porta stretta attraverso la quale doveva passare ogni tentativo di espressione autentica. Ora che viviamo consapevolmente nel disastro (e nell’imminenza di una catastrofe insensata che può colpirci ovunque e in qualunque momento), mentre nel contempo la moltiplicazione dei racconti sembra indizio di un inarrestabile principio vitale, la nostra percezione del teatro di Beckett cambia inevitabilmente.
Un sintomo di questo mutato atteggiamento è la messinscena di Finale di partita a opera di Lorenzo Loris al Teatro Out Off di Milano. Cancellata la tentazione del silenzio nella chiacchiera generale, dissolta con la metafisica ogni angoscia metafisica, resta la nuda realtà del testo. E restano, ma solo come flebile memoria di un’epoca ormai conclusa e quasi dimenticata, l’etica del silenzio, la morsa dell’angoscia.
Finale di partita si riduce così a una lunga gag, a uno sberleffo, a una farsa di clown che di quell’epoca ormai finita possono quasi farsi beffe. Anche perché a incarnare Hamm e Clov sono due giovani attori di grande classe come Alessandro Genovesi e Paolo Pierobon. Il primo fervidamente attivo, a trotterellare in una scatola scenica nera e lucida ma polverosa, il secondo inchiodato alla sua sedia a rotelle, incattivito e strafottente come un vecchio gangster. Il primo ilare e svagato, l’altro ostinatamente livoroso, due clown persi nel nulla – o forse solo intrappolati nell’eterno gioco del teatro.
E’ una recita in apparenza inarrestabile ma ormai in fondo gratuita, e forse inutile, come se delle nostre angosce oggi potessimo anche ridere. O meglio, come se in questo orizzonte dominato dall’insensatezza ridere della nostra precaria precisione di marionette fosse l’unica possibilità che ci resta, senza neppure la nostalgia di una totalità perduta.

Finale di partita
di Samuel Beckett
regia di Lorenzo Loris
Milano, Teatro Out Off

Oliviero_Ponte_di_Pino

2003-12-15T00:00:00

Share



Scrivi un commento