Il bando del Premio Riccione per il Teatro 2005

Il regolamento della 48a edizione

Pubblicato il 31/01/2005 / di / ateatro n. 080 / 0 commenti /
Share

Trovate qui sotto il bando della 48a edizione del PREMIO RICCIONE PER IL TEATRO, concorso riservato alla nuova drammaturgia italiana contemporanea. Il Premio viene attribuito ogni due anni a un’opera originale in lingua italiana di autore vivente, mai rappresentata come spettacolo in luogo pubblico; è aperto a tutte le forme di drammaturgia teatrale e non esclusivamente al teatro di parola.
La Giuria, presieduta da Franco Quadri sarà composta da: Roberto Andò, Sergio Colomba, Luca Doninelli, Edoardo Erba, Mario Fortunato, Maria Grazia Gregori, Renata Molinari, Ottavia Piccolo, Giorgio Pressburger, Ludovica Ripa di Meana, Luca Ronconi, Renzo Tian.
Il Concorso è aperto per l’edizione 2005 ai testi spediti (o consegnati direttamente) entro il 30 Aprile 2005. Fa fede il timbro postale.
La partecipazione al concorso prevede una quota di iscrizione per spese di segreteria pari a € 25,00 da versare sul c/c postale n°60670460 intestato a Associazione Riccione Teatro, indicando nella causale il titolo dell’opera.
All’autore del testo vincitore del Premio Riccione per il Teatro sarà assegnato un premio indivisibile di 7.500 euro.
Verranno assegnati inoltre: Il Premio Pier Vittorio Tondelli di 2.500 euro, al testo di un giovane autore nato dopo il 31 dicembre 1974; il Premio Speciale della Giuria intitolato a Paolo Bignami e a Gianni Quondamatteo; il Premio Marisa Fabbri, istituito per ricordare una grande attrice e un’amica, destinato a indicare un’opera particolarmente impegnata nella ricerca di un linguaggio aperto e poetico; il Premio CGIL di 4000 euro all’autore del testo teatrale che si segnali nel trattare argomenti di carattere civile, sociale o di tematiche inerenti il mondo del lavoro e le lotte sindacali.
Il Premio di produzione di 30.000 euro per concorso alle spese di allestimento sarà assegnato al progetto indicato dall’autore del testo vincitore della 48a edizione. Si realizza in tal modo il passaggio dalla pagina alla scena cruciale per la promozione effettiva dei nuovi autori teatrali.
La cerimonia di premiazione avrà luogo a Riccione sabato 24 settembre 2005 alle ore 21.00 presso il Teatro del Mare.

PREMIO RICCIONE PER IL TEATRO
48° edizione anno 2005

Regolamento

art.1) Il Premio Riccione per il Teatro viene attribuito ogni due anni a un’opera originale in lingua italiana di autore vivente, mai rappresentata come spettacolo in luogo pubblico, come contributo allo sviluppo della drammaturgia contemporanea.

art.2) Il Premio è aperto a tutte le forme di drammaturgia teatrale e non esclusivamente al teatro di parola. Sono liberi il numero dei personaggi e le durate dei testi. Non sono ammesse opere tradotte da altre lingue, né adattamenti e trasposizioni da testi narrativi o drammaturgici, salvo il caso che la Giuria ne riconosca l’assoluta autonomia creativa.

art.3) La partecipazione al concorso prevede una quota di iscrizione per spese di segreteria pari a € 25,00 da versare sul c/c postale n° 60670460 intestato a Associazione Riccione Teatro, indicando nella causale il titolo dell’opera.

art.4) Il concorso è aperto per l’edizione 2005 ai testi spediti (o consegnati direttamente) alla segreteria entro il 30 aprile 2005. Fa fede il timbro postale.

art.5) La Giuria per il 2005 è così composta: Franco Quadri (presidente), Roberto Andò, Sergio Colomba, Luca Doninelli, Edoardo Erba, Mario Fortunato, Maria Grazia Gregori, Renata Molinari, Ottavia Piccolo, Giorgio Pressburger, Ludovica Ripa di Meana, Luca Ronconi, Renzo Tian; Segretaria Francesca Airaudo. La Giuria si avvarrà della collaborazione di una Commissione di selezione preliminare – proposta, coordinata e presieduta dal Presidente della stessa Giuria.

art.6) Al testo prescelto dalla Giuria sarà assegnato un premio indivisibile di 7.500 euro; sono dunque esclusi gli ex-aequo.

art.7) La Giuria inoltre attribuirà :
il Premio Pier Vittorio Tondelli, di 2.500 euro, al testo di un giovane autore nato dopo il 31 dicembre 1974;
il Premio speciale della Giuria intitolato a Paolo Bignami e a Gianni Quondamatteo;
il Premio Marisa Fabbri, istituito per ricordare una grande attrice e un’amica, destinato a indicare un’opera particolarmente impegnata nella ricerca di un linguaggio aperto e poetico.

art.8) Per celebrare i cent’anni dalla nascita della C.G.I.L.- Confederazione Generale Italiana del Lavoro – la Giuria attribuirà un premio di 4.000 euro, messi a disposizione dalla C.G.I.L., all’autore del testo teatrale che si segnali nel trattare argomenti di carattere civile, sociale o di tematiche inerenti il mondo del lavoro e le lotte sindacali.

art.9) Eventuali segnalazioni possono venire conferite ad altri lavori presentati, con apposite motivazioni.

art.10) Non verrà accettato più di un testo da parte di ciascun concorrente.

art.11) Non possono partecipare al concorso autori che abbiano già conseguito il primo premio in precedenti edizioni. Sono inoltre escluse dalla selezione le opere già inviate a precedenti edizioni del Premio o che abbiano conseguito il primo premio in altri concorsi.
Non sono ammessi testi anonimi ovvero sotto pseudonimo.
Gli autori dovranno dichiarare che il testo non sia stato inviato a precedenti edizioni del premio e che non abbia conseguito premi in altri concorsi.

art.12) Il premio di produzione di 30.000 euro per concorso alle spese di allestimento sarà assegnato al progetto indicato dall’autore vincitore. Il progetto di messinscena dovrà ottenere l’approvazione di una Commissione formata dal Presidente di Riccione Teatro, il Direttore di Riccione Teatro, il Presidente della Giuria e un altro giurato indicato dal Presidente della Giuria (in caso di parità prevale il voto del Presidente di Riccione Teatro), tenendo conto dei requisiti artistici della proposta, della sua realizzabilità, delle possibilità di diffusione, al fine di ottenere la più efficace promozione della nuova drammaturgia.
Il progetto di produzione dovrà essere presentato a Riccione Teatro improrogabilmente entro il 30 marzo 2006, pena la decadenza del premio di produzione.
Il premio di produzione di 30.000 euro verrà conferito all’atto della prima rappresentazione pubblica. Il produttore del testo premiato si impegna a citare il Premio Riccione per il Teatro nei comunicati e in tutto il materiale di pubblicità e informazione sia a stampa che su altri media, nulla escluso. Si impegna inoltre a comunicare prima del debutto ogni eventuale e successiva modifica del progetto inviando tempestivamente e comunque prima del debutto a Riccione Teatro copia di tutto il materiale a stampa e su altri supporti o formati (siti web ecc.) recante la menzione ‘testo vincitore della 48^ edizione del Premio Riccione per il Teatro’ oltre al logo di Riccione Teatro.
In accordo con gli autori premiati e segnalati e nel rispetto della legislazione vigente sul diritto d’autore, Riccione Teatro provvederà alla massima diffusione dei testi vincitori o segnalati.

art.13) I copioni (in dieci esemplari dattiloscritti, numerati nelle pagine), la scheda di partecipazione, compilata in maniera leggibile in ogni sua parte in carattere stampatello maiuscolo e la prova dell’avvenuto versamento della quota di partecipazione, dovranno essere indirizzati alla segreteria del Premio Riccione per il Teatro, presso il Municipio di Riccione, V.le Vittorio Emanuele II, 2 – 47838 Riccione RN, tel. 0541 694425. I copioni inviati non verranno restituiti. La segreteria declina ogni responsabilità per disguidi o smarrimenti.
Gli autori autorizzano Riccione Teatro a conservare presso i propri archivi copia del testo inviato, per finalità di consultazione, per motivi di studio senza scopo di lucro.

art.14)
La Giuria attribuirà inoltre – fuori concorso – il “Premio Speciale Aldo Trionfo” a quei teatranti – artisti della scena o della pagina, singoli o gruppi, studiosi o tecnici – che si siano distinti nel conciliare gli opposti, coniugando la tradizione con la ricerca. La scelta sarà fatta dalla Giuria, integrata per l’occasione da Fabio Bruschi, Direttore di Riccione Teatro, da Giorgio Panni, Tonino Conte e Emanuele Luzzati per il Teatro della Tosse di Genova.

art.15) La cerimonia di premiazione avrà luogo a Riccione sabato 24 settembre 2005, alle ore 21,00 presso il Teatro del Mare.
I partecipanti con la sottoscrizione della scheda di partecipazione* debitamente compilata e firmata, dichiarano di accettare integralmente le sopradescritte condizioni del bando e autorizzano l’utilizzo dei dati personali ai sensi del Codice della Privacy (D. LGS. N. 196/2003).
In aggiunta ai dieci copioni si invitano i concorrenti ad inviare il testo in CD ROM formato rtf.

* la scheda di partecipazione è allegata al bando. Potrà inoltre essere scaricata dal sito www.riccioneteatro.it oppure richiesta alla segreteria del premio.

Premio Riccione 48^ edizione

scheda di partecipazione

nome___________________________________________________________

cognome________________________________________________________

luogo e data di nascita_____________________________________________

indirizzo_________________________________________________________

città _______________________________ cap. ___________ prov. ____

recapiti telefonici _________________________________________________

e-mail______________________________________________________

titolo del testo____________________________________________________

numero pagine _______

· allego ricevuta di versamento postale ·

· allego CD ROM con testo formato rtf SI  NO  ·

Esclusivamente per fini di catalogazione dei testi richiediamo una brevissima sinossi di massimo dieci righe.

Io sottoscritto dichiaro di accettare il regolamento del bando di concorso e autorizzo l’utilizzo dei miei dati personali ai sensi del Codice della Privacy (D.LGS N. 196/2003).

data _____________ firma _________________________

Redazione_ateatro

2005-01-31T00:00:00

Share



Tag: premioRiccione (8)


Scrivi un commento