Artaud (& altro) a Macerata

I-Mode Visions 2005

Pubblicato il 25/05/2005 / di / ateatro n. 084 / 0 commenti /
Share

Macerata I-Mode Visions 2005

Prigionieri forzati della sensibilità (o della televisione?)

Dal 18 al 20 maggio p.v. si terrà al teatro-auditorium “Josef Svoboda”, l’’esposizione annuale del Corso di Comunicazione Visiva Multimediale Macerata: Macerata I-Mode Visions.

Il festival, giunto alla II edizione, propone il concorso “I modi della visione”, aperto ad una selezione di 13 film-makers dell’Accademia, performances multimediali, retrospettive video e filmiche, due tavole rotonde con la partecipazione di docenti, semiologi e critici televisivi.

Dopo aver indagato e rigenerato la poetica pasoliniana, Macerata I-Mode Visions è dedicata quest’anno ad Antonin Artaud (1896 – 1944): un omaggio al pensiero e all’’opera del geniale assertore della “filosofia della crudeltà”; uno dei pionieri della multimedialità espressiva delle arti. Una riflessione su quanto di artaudiano, “capace di svegliarci: nervi e cuore”, sia sopravvissuto nei linguaggi e le forme degli attuali media; con particolare attenzione alla televisione.

In programma convegni e performances multimediali, retrospettive video e filmiche, convegni e tavole rotonde con la partecipazione di semiologi e critici

Il calendario prevede: Mercoledì 18 Maggio alle ore 9,oo e ore 15.30, convegno “Prigionieri forzati della sensibilità” (o della televisione?) con intervento prolusivo di Massimo Puliani (coordinatore del corso), Alessandro Forlani, Carlo Infante, Piepaolo Loffreda, Anna Maria Monteverdi e Silvana Vassallo.

Giovedì 19 Maggio ore 9,00 proiezioni di opere storiche di Carmelo Bene, Peter Brook, Living Theatre, Magazzini Criminali e Raffaello Sanzio; e visione di opere di video-artisti provenienti dall’Acacdemia (Mirco Alessandrini e il duo Nardi/Scopetta). Nel pomeriggio retrospettiva filmica “Artaud: l’’attore appestato” a cura di Pierpaolo Loffreda e Maurizio Failla. In programma La passione di Giovanna d’Arco di F. Dreyer; Napoleon di A. Glance; La Coquille et le Clergyman.

L’’esposizione si concluderà la mattina di Venerdì 20 Maggio con la premiazione, da parte del Direttore Anna Verducci e del Presidente dell’’Accademia, Massimiliano Fraticelli del concorso “I modi della visione”, e con la videoperformance di Fabrizio Bartolucci, sul testo di Pour en finir avec le Jugement de Dieu.

Per l’occasione sarà attivato un sito: http://www.accademiabellearti.com/imodevisions.htm

Ufficio_Stampa_Accademia_Belle_Arti

2005-05-12T00:00:00

Share



Tag: ArtaudAntonin (14), teatroenuovetecnologie (24)


Scrivi un commento