Premio Hystrio: le motivazioni e il programma della manifestazione

anche quelle per ateatro...

Pubblicato il 11/06/2005 / di / ateatro n. 085 / 0 commenti /
Share

PREMIO HYSTRIO alla Vocazione per giovani attori 2005
Milano, Teatro Litta, 16, 17, 18 giugno

Oltre mille i giovani aspiranti attori, diplomati e diplomandi delle scuole di teatro di tutta Italia, ma anche autodidatti e giovani provenienti da altri paesi europei, che hanno calcato il palcoscenico nelle prime sette edizioni milanesi del concorso nazionale Premio Hystrio alla Vocazione per giovani attori (ma la storia del Premio alla Vocazione è ben più “antica”, con otto edizioni, dal 1989 al 1996, a Montegrotto Terme), facendo ben sperare nella vitalità delle nuove leve del teatro italiano. Il Premio Hystrio è diventato negli anni una vetrina prestigiosa per chi vuole farsi conoscere nel mondo dello spettacolo, una scelta questa, intensamente voluta dagli organizzatori per rendere il concorso una concreta occasione per chi vorrà trasformare una vocazione in professione.

La settima edizione, dopo le due giornate di pre-selezione che si sono svolte al Teatro Libero il 26 e 27 maggio, si intensificherà con le selezioni finali riservate a giovani attori diplomati o provenienti da scuole e accademie di tutta Italia che si terranno nei giorni 16, 17 e 18 giugno al Teatro Litta di Milano. Un’intensa maratona teatrale che si concluderà, come d’abitudine, il 18 giugno con la serata-spettacolo in cui, insieme ai tre vincitori del concorso scelti dalla Giuria (uno per la sezione maschile e uno per quella femminile, più la borsa di studio di perfezionamento intitolata a Gianni Agus) verranno assegnati ad artisti e istituzioni significative della scena italiana i PREMI HYSTRIO 2005

La Giuria di questa edizione del Premio Hystrio alla Vocazione per giovani attori è composta da: Ugo Ronfani (Presidente), Liselotte Agus, Marco Bernardi (regista e direttore del Teatro Stabile di Bolzano), Ferdinando Bruni (attore, regista e condirettore di Teatridithalia di Milano), Fabrizio Caleffi, Gaetano Callegaro (direttore del Teatro Litta di Milano), Claudia Cannella (direttore responsabile di Hystrio), Monica Conti (regista), Nanni Garella (regista), Sergio Maifredi (regista e vicedirettore del Teatro della Tosse di Genova), Lamberto Puggelli (regista), Antonio Sixty (regista).

Le selezioni/audizioni del 16 e 17 giugno al Teatro Litta sono aperte al pubblico con il seguente orario: giovedì e venerdì dalle 9.30 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 18.00, sabato 18 dalle 9.30 alle 12.00.
Le tre borse di studio per i vincitori hanno un valore di € 1.550 ciascuna.

Strano momento vive il teatro italiano. Con il fiato corto sulle scene istituzionali, preso d’’assalto nei corsi universitari, brulicante di vita nella galassia di scuole, laboratori e seminari affollati di giovani che il teatro, oggi, preferiscono farlo che andarlo a vedere. Alla sua quindicesima edizione, il Premio Hystrio alla Vocazione è ormai non solo un osservatorio privilegiato delle nuove generazioni di attori, ma spesso una prima occasione concreta di verifica per chi vorrebbe fare di quest’arte un lavoro. La redazione

i PREMI HYSTRIO 2005
Milano, Teatro Litta, sabato 18 giugno ore 21

Per i PREMI HYSTRIO 2005 sono stati selezioni dalla redazione del trimestrale di cultura teatrale artisti e istituzioni dal percorso artistico e culturale già consolidato in anni di intensa attività e allo stesso tempo di sicuro interesse per il futuro del teatro italiano.

Tra le importanti novità di quest’anno si segnala l’istituzione del Premio Hystrio – Arlecchino d’Oro nato dal gemellaggio tra la rivista e il Festival Arlecchino d’Oro di Mantova (quest’anno interamente dedicato alla memoria di Umberto Artioli), in questo primo anno il premio andrà al gruppo A.T.I.R. con lo spettacolo di Serena Sinigaglia Le troiane che sarà premiato a Milano il 18 giugno al Teatro Litta e successivamente andrà in scena a Mantova sul palco di Palazzo Tè nella serata conclusiva del Festival, il 2 luglio. Continua anche la collaborazione tra Hystrio e la Provincia di Milano che da tre anni premia il lavoro di una realtà operante sul territorio.


i PREMIATI

Premio Hystrio all’interpretazione a Fabrizio Gifuni
Attore di teatro, interprete a tutto tondo particolarmente legato al teatro greco, che ama confrontarsi con altissimi risultati anche nel cinema, radio, televisione. Quest’anno lo abbiamo visto diretto da Liliana Cavani, interpretare Alcide De Gasperi nel film tv De Gasperi. L’uomo della speranza ma anche, dopo sei anni di assenza dal palcoscenico, Pier Paolo Pasolini nell’applaudito spettacolo ‘Na specie di cadavere lunghissimo diretto da Giuseppe Bertolucci per il Teatro delle Briciole di Parma. In questi giorni sta girando il nuovo film di Franco Battiato.

Premio Hystrio alla regia a Giorgio Gallione

Regista e drammaturgo, dal 1986 è anche il direttore artistico del Teatro dell’Archivolto di Genova. Collabora con scrittori come Stefano Benni, Daniel Pennac, Francesco Tullio Altan, Michele Serra e José Saramago. Tra le sue regie più recenti La Buona Novella di Fabrizio De André, L’Inventore di sogni e L’uomo dell’armadio, entrambi da Ian McEwan, Corto Maltese, opera balletto con Gioele Dix. Ha diretto Bukowski con Alessandro Haber, Un tram che si chiama desiderio di Andre Previn per il Teatro Regio di Torino, Vita, una partitura inedita di Marco Tutino per il Teatro alla Scala e I bambini sono di sinistra con Claudio Bisio. www.archivolto.it

Premio Hystrio alla drammaturgia a Davide Enia

Giovane maestro di narrazione, autore, attore e regista, Enia nasce a Palermo, dove passa l’infanzia giocando a pallone (così narra la sua biografia ufficiale). Laurea in lettere e formazione alla scrittura drammaturgica nei laboratori e seminari curati da Danio Manfredini, Corte Sconta, Rena Mirecka, Tapa Sudana e Laura Curino. Italia-Brasile 3 a 2, maggio ’43 i suoi titoli più conosciuti e premiati dalla critica. Nel 2003, vince il Premio Ubu e il Premio Pier Vittorio Tondelli (sezione under 30 del Premio Riccione) con Scanna, messo in scena l’ottobre scorso alla Biennale di Venezia.

Premio Hystrio – altre muse a www.ateatro.it
La webzine di cultura dello spettacolo dal vivo curata da Oliviero Ponte di Pino in collaborazione con Anna Maria Monteverdi, è ormai diventata un punto di riferimento per il teatro italiano. Fondata all’inizio del 2000, in quattro anni ha pubblicato – grazie a una fitta rete di collaboratori – oltre 1000 tra saggi, interviste, recensioni, notizie, inchieste, testimonianze di artisti. Indipendente e gratuito, colto e provocatorio, militante e sperimentale, ateatro ha raccolto una parte della sua produzione nel volume Il meglio di ateatro 2000-2003, pubblicato da il principe costante Edizioni.

Premio Hystrio – Provincia di Milano all’Associazione OLINDA ONLUS

Anima del Festival Da vicino nessuno è normale che si tiene ogni anno all’ex ospedale psichiatrico Paolo Pini di Milano. Luogo che grazie a loro da simbolo di esclusione è diventato una piazza pubblica di socialità e cultura intesa anche come rigenerazione umana del territorio. Le iniziative culturali sono parte integrante dei progetti promossi da Olinda, strumento per comunicare alla città il cambiamento avvenuto all’interno dell’ ex ospedale psichiatrico. www.olinda.org

Premio Hystrio – Arlecchino d’Oro al Gruppo ATIR

Produzione, realizzazione e distribuzione, non c’è fase dell’evento teatrale che il gruppo non autoproduca. Fondato nel 1996 da un nucleo di giovani artisti l’A.T.I.R. non perde occasione per fare ricerca teatrale nel modo più autentico e indipendente. Il direttore artistico/anima del gruppo, Serena Sinigaglia, ha firmato anche la regia de Le troiane, lo spettacolo scelto da Hystrio in collaborazione con il Festival Arlecchino d’Oro di Mantova. Un’attualizzazione perfettamente filologica e ben distillata dell’intenso testo euripideo, cui vengono affiancati degli a-parte dall’Iliade. Ottima prova collettiva con sedici attori sempre in scena, nata da una lunga e depositata confidenza con il testo e da interessanti incursioni nei più diversi mezzi espressivi. www.atirteatro.it

Durante gli anni hanno vinto il PREMIO HYSTRIO i nomi più importanti del teatro italiano, protagonisti eccellenti della scena teatrale italiana capaci di emozionare il pubblico in ogni occasione, tra gli altri: Maddalena Crippa, Nanni Garella, Kim Rossi Stuart, Marco Martinelli, Cristina Pezzoli, Alessandro Gassman, Gian Marco Tognazzi, Monica Conti, Laura Curino, Tony Servillo, Lucilla Morlacchi, Maria Laura Baccarini, Ascanio Celestini.

Anche quest’anno i vincitori riceveranno i Premi durante la serata conclusiva di sabato 18 giugno, ingresso libero con inizio alle 21.00 al Teatro Litta di Milano.
Condurrà la serata l’attrice Paola Bigatto.

Seguirà una degustazione di Franciacorta Antica Fratta offerta dall’azienda Meregalli e rinfresco.

Per ulteriori informazioni
Hystrio, via Olona 17, 20123 Milano, tel. 02.400.73.256 – fax 02.45.40.94.83
e-mail: hystrio@fastwebnet.it – www.hystrio.it

Redazione_Hystrio

2005-06-11T00:00:00

Share



Tag: PremioHystrio (10)


Scrivi un commento