Gli Incunabula della Socìetas Raffaello Sanzio a Cesena

Giornate internazionali di immaginazione teatrale, danza, musica, computer art

Pubblicato il 26/01/2007 / di / ateatro n. 106 / 0 commenti /
Share


Teatro Comandini/ Teatro Bonci
Cesena
Febbraio-Marzo- Aprile 2007

direzione artistica e organizzazione: Socìetas Raffaello Sanzio

In collaborazione con:
Emilia Romagna Teatro Fondazione
Assessorato alla Cultura del Comune di Cesena
E con il contributo di :
Assessorato alla Cultura- Regione Emilia Romagna


Nelle vecchie e fascinose aule del Teatro Comandini, già scuola di fabbri e tornitori del ferro, si svolgeranno le Giornate internazionali di immaginazione teatrale, danza, musica, computer art, distribuite tra Febbraio e Aprile 2007, organizzate dalla Socìetas Raffaello Sanzio in collaborazione con Emilia Romagna Teatro Fondazione, Assessorato alla Cultura del Comune di Cesena e con il contributo dell’’Assessorato alla Cultura della Regione Emilia Romagna.

Una rassegna, anche se breve, e ogni singola forma d’arte, possono ricevere un senso ulteriore dalla rottura delle solite recinzioni di genere per realizzare una confluenza di analisi e di tensioni istintive.
Le Giornate comprendono diverse forme dello spettacolo dal vivo, perché Teatro, Danza, Musica e Computer-art oltre ad avere un loro intrinseco valore singolare, esprimono, insieme, una funzione di riverberazione reciproca che, in una rassegna come questa, ne aumentano l’’incisività espressiva.
La Danza, a questo punto, media il rapporto tra idealità musicale e imitazione teatrale del reale, e forse INCUNABULA conta la presenza preponderante di quest’arte, per marcare la tensione tra astrazione e fisicità, idea e fatto, che orienta queste Giornate di Immaginazione.
Se la Danza assume una veste mediatrice, è la Musica l’arte più egemonica, perché la sua logica numerale, assieme all’atmosfera stratificata da fasci di luce emotiva, alimenta ogni spettacolo qui presente.
Un’altra dilatazione del cono ottico che include le Giornate, è data dalla provenienza degli artisti: tutti stranieri, eccetto la Socìetas stessa e gli ZU, musicisti romani, votati alla sperimentazione.
Qui va specificato che l’internazionalismo è un dato che non dice assolutamente nulla, se preso come valore in sé, tanto più che tutti gli Artisti abitano il medesimo mondo culturale. La proposta internazionale è da leggersi, piuttosto, in negativo, e cioè per evitare il nazionalismo come valore. Ciò che conta è esclusivamente la scelta estetica ed ideale che opta con precisione in base a una tensione di fondo che può essere ricondotta al tema della nascita della parola, per ricostruire l’origine della sua venuta.
Eppure la via espressiva dominante di INCUNABULA è l’azione muta; il dire senza parole, così che la musica e la danza, soprattutto, sono le forme d’arte prevalenti di queste Giornate.
Il non parlare è come un programma che si osserva per capire l’avvento e l’essenza della parola.
E’ il silenzio di chi manifesta un pensiero non definito dalle parole, o inesprimibile con le parole.
Queste Giornate sono uno sperimentare la parola; giornate sperimentali della parola, sebbene la parola, quasi, non compaia, ma si tratta di un corteggiamento del linguaggio umano verbale, prima della scoperta di qualsiasi alfabeto; o di una nostalgia, dopo l’usura e la consumazione della parola.
Anche la danza e la musica, arti tradizionalmente esonerate dal dominio della parola, tessono invece qui, parole, più che schemi coreografici o discorsi melodici: alludono continuamente alla parola, anche se questa manca.
La parola è la protagonista nascosta di queste Giornate, ancora trattenuta in fasce (Incunabula), per fare spazio a tutto il dire che un volto ancora muto, o una musica, trattengono e promettono.

Dieci sono in tutto gli appuntamenti che si svolgeranno nelle sale del Teatro Comandini e del Teatro Bonci di Cesena.

In apertura la performance del gruppo belga Abattoir Fermé, collettivo di giovani creatori (per la prima volta in Italia) che ricercano nuove tematiche e drammaturgie a partire da una fascinazione per l’underground, l’outsider e tutto quello che esce dalla norma.
Ancora per il teatro Raimund Hoghe, coreografo tedesco già drammaturgo di Pina Bausch che, con lo spettacolo Another Dream conclude una trilogia intima sul passato della Germania del 900 e la Socìetas Raffaello Sanzio, al Teatro Bonci con Br.#04 Bruxelles, quarto episodio della Tragedia Endogonidia, che solo raramente è stato presentato in Italia.

Da non perdere, per gli appassionati della danza, Jonathan Burrows e Matteo Fargion (danzatore l’uno, musicista l’altro) con gli spettacoli Both Sitting Duet e The Quiet Dance, delicate e toccanti performance giocate su una profonda sintonia e un rigoroso minimalismo dove ogni singolo dettaglio contribuisce a creare una partitura del tutto singolare di suoni e movimenti ritmici;
la danzatrice svizzera Cindy Van Acker, accompagnata dal vivo da quattro musicisti, in Corps 00:00, sperimenta il gesto involontario – accanto a quello consapevole – nell’intento di arrivare a un movimento indipendente che la mente non è in grado di ottenere.
Chiude la sezione dedicata alla danza il ballerino francese Boris Charmatz, che con la performance Les Disparates presenta sul palco del Teatro Bonci un dittico che si muove tra cinema e coreografia.

La giornata dedicata alla computer art, prevede la doppia performance dell’americano Zachary Lieberman e del gruppo inglese Semiconductor, nello stretto connubio tra tecnologie avanzate, animazione digitale e impulso musicale.

Infine, per la musica, i concerti del noto gruppo americano Boom Bip e la musica magnetica degli italiani ZU, già gruppo cult che presenterà brani dal loro nuovo album.

L’ingresso ad ogni spettacolo è di euro 12, ad eccezione di Tragedia Endogonidia Br.#04 Bruxelles, euro 15.
Per assistere a tutte le giornate di Incunabula è stato realizzato un numero limitato di tessere non nominali da 5 ingressi, in vendita ad un prezzo promozionale di 45 euro (due tessere 80 euro).


Ufficio Stampa
Benedetta Briglia, Cosetta Nicolini
Tel. 0547/25566 (lun-ven, ore 9-16)

Informazioni e prenotazioni
Socìetas Raffaello Sanzio / Teatro Comandini
Tel. 054725566 (lun-ven, ore 9-16)

Riportiamo di seguito il calendario di INCUNABULA:

Mart. 13, Merc. 14 Febbraio, ore 20.30
Teatro Comandini
Abattoir Fermé [Teatro][Belgio][prima italiana]
Moe maar op en dolend (Memorie distorte)
Regia Stef Lernous
con Joost Vandecasteele, Mieke Laureys, Kirsten Pieters
durata 60’

Giov. 22, Ven. 23 Febbraio, ore 20.30
Teatro Comandini
Compagnia Greffe [Danza][Svizzera]
Corps 00:00
Di: Cindy Van Acker
Con: Perrine Valli
composizione sonora ed esecuzione dal vivo di: Frédérique Franke, Philip May, Denis Rollet, David Stampali

Sab. 3 Marzo, ore 20.30
Teatro Comandini
Jonathan Burrows e Matteo Fargion [Danza][Gran Bretagna]
Both Sitting duet
di e con Jonathan Burrows e Matteo Fargion

Dom. 4 Marzo, ore 20.30
Teatro Comandini
Jonathan Burrows e Matteo Fargion [Danza][Gran Bretagna]
The Quiet Dance
di e con Jonathan Burrows e Matteo Fargion

Giov. 15, Ven. 16 Marzo, ore 20.30
Teatro Comandini
Raimund Hoghe
[Teatro] [Germania][prima italiana]
Another Dream
Coreografia e interpretazione: Raimund Hoghe

Mart. 20 Marzo, ore 21
Teatro Bonci
Boris Charmatz
[Cinema + Danza][Francia][prima italiana]
Les Disparates
Interpretazione e improvvisazione: Boris Charmatz
dalla Coreografia originale di Dimitri Chamblas e Boris Charmatz

Sab. 24, Dom. 25 Marzo, ore 22.00
Teatro Comandini
Zachary Lieberman [Computer-Art][USA]
Drawn e The Manual Input Sessions
e, di seguito:
Semiconductor: Ruth Jarman & Joe Gerhardt [Computer-Art] [Gran Bretagna]
Sonic Inc
e Worlds in flux

Da Mart. 27 a Ven. 30 Marzo, ore 21 e Sab. 31 Marzo, ore 17.00
Teatro Bonci
Socìetas Raffaello Sanzio [Teatro][Italia]
BR.#04 Bruxelles/Brussel
Tragedia Endogonidia IV Episodio
di Romeo Castellucci
Regia, scenografia, luci e costumi: Romeo Castellucci
Regia, composizione drammatica, sonora e vocale: Chiara Guidi
Traiettorie e scritture: Claudia Castellucci
Musica originale: Scott Gibbons
Con: Sonia Beltran Napoles, Claudia Castellucci, Sebastiano Castellucci, Luca Nava, Gianni Plazzi, Sergio Scarlatella, Atos Zammarchi

Sab. 14 Aprile, Ore 22.00
Teatro Comandini
Boom Bip live [Concerto][USA]
e, di seguito: DJ-SET di Incunabula

Dom. 22 Aprile, Ore 22.00
Teatro Comandini
ZU [Concerto][ITALIA]
Jacopo Battaglia, batteria ed elettronica
Luca Tommaso Mai, sax baritono
Massimo Pupillo, basso ed elettronica

Ufficio_Stampa

2007-01-26T00:00:00

Share



Tag: RaffaelloSanzioSocietas (31)


Scrivi un commento