Le forme del nuovo. Modi innovativi di organizzare teatro

Un incontro internazionale a Milano, 11-14 marzo 2010

Pubblicato il 06/03/2010 / di / ateatro n. 126 / 0 commenti /
Share

Lombardia – Italia – Europa
Incontro internazionale
11-14 marzo 2010

Dall’’11 al 14 spettacoli presso le sedi Etre (Esperienze Teatrali di Residenza ) in Lombardia.
Incontro internazionale presso il Centro Congressi Cariplo, via Romagnosi 8 Milano.
Venerdì 12 (10.00-17.30), sabato 13 (10.00-13.00)

Lo sviluppo e l’’innovazione del teatro si fondano anche sulle capacità di creare, trasformare e gestire con efficacia le forme organizzative e sulla possibilità di conoscere e scambiare esperienze a livello internazionale.
L’’incontro si propone di fotografare le trasformazioni, analizzare e discutere l’’evoluzione delle modalità organizzative più originali ed efficaci per il sostegno del nuovo teatro e dei giovani gruppi:
– l’’evoluzione dei festival;
– le nuove linee di tendenza delle reti;
– le diverse forme di residenza;
– la funzione dell’”accompagnamento”;
– le forme innovative per favorire l’’incontro tra linguaggi artistici e nuovi media;
– i modi di coproduzione e di relazione fra produzione e distribuzione;
– la mobilità degli artisti e degli operatori e la progettazione internazionale, in un quadro europeo allargato.
Si tratta di pratiche che stanno modificando un po’ in tutta Europa il lavoro in teatro.

L’’incontro di venerdì e sabato mattina prevede relazioni, testimonianze e casi da diversi paesi, e spazio per il confronto, ma anche visite e spettacoli (per 4 sere, da giovedì a domenica), presso alcune delle Residenze lombarde riunite dell’’Associazione ÊTRE (Esperienze Teatrali di Residenza).
L’’Associazione riunisce 24 compagnie residenti -in grado quindi di operare con continuità- presso spazi pubblici e privati nel territorio lombardo, supportate da Progetto Être di Fondazione Cariplo.
Il convegno è organizzato da Fondazione Cariplo, che orienta molte delle sue politiche per lo spettacolo al sostegno dell’innovazione e delle nuove generazioni. L’incontro costituirà anche l’occasione per fare un punto su queste linee di intervento, confrontarle con le modalità operative di organizzazioni analoghe, valutare quindi la funzione delle fondazioni di origine bancaria rispetto al teatro.

Ingresso libero previa registrazione su
http://www.progettoetre.it
Indicando nome e eventuale organizzazione.

Per informazioni o richieste di intervento
internationalcongressmilan@fondazionecariplo.it

Venerdi 12 marzo

09.30 – 10.30 Registrazioni

10.30 – 13.00 Giuseppe Guzzetti, Presidente Fondazione Cariplo
Benvenuto

Il ruolo delle Fondazioni: confronti nazionali e internazionali

Coordina: Pier Mario Vello, Segretario Generale Fondazione Cariplo

Gian Paolo Barbetta, Responsabile Unità Strategica Fondazione Cariplo
Arte e cultura come componenti dei sistemi di welfare

Marco Gualtieri, Fondazione Monte dei Paschi di Siena
L’intervento di Fondazione Monte dei Paschi di Siena nel campo dello spettacolo. Il caso Fenice Festival Poggibonsi

Adriana Stradella, Coordinamento Programma Performing Arts e Cristina Palumbo Consulente Programma Performing Arts, Fondazione di Venezia
L’intervento della Fondazione di Venezia nel campo delle Performing Arts: il progetto Giovani a teatro

Olivier Descotes, direttore del Centre Culturel Français de Milan
Partenariati pubblici/privati in Francia nel settore culturale

Michael M. Thoss, direttore di Allianz Kulturstiftung, Monaco (Fondazione Allianz per la Cultura)
Riattivare una modernità fuori asse

Antonio Calbi, Direttore del Settore Spettacolo, Comune di Milano
Enti Locali e Fondazioni: esperienze di sussidiarietà

Andrea Rebaglio, Area Arte e Cultura Fondazione Cariplo
La Fondazione Cariplo per lo spettacolo dal vivo: evoluzione dell’intervento e linee attuali

Michele Losi, Presidente Associazione ETRE, Esperienze Teatrali di Residenza
Dal progetto ETRE all’associazione ETRE

13.00 – 14.00 Pausa pranzo

14.00 – 15.45 Forme e pratiche dell’innovazione

Coordina: Mimma Gallina, Comitato scientifico Progetto ETRE Fondazione Cariplo

Renato Palazzi, Comitato Scientifico Progetto ETRE Fondazione Cariplo Organizzazione e nuovi linguaggi

Fanny Bouquerel, Amuni, projets culturels (Parigi-Palermo)
Trasformazioni e nuove tendenze in una dimensione europea allargata

Marilisa Amante, Responsabile della programmazione in Italia ETI, Ente Teatrale Italiano
Forme organizzative e politiche istituzionali

Jovan Cirilov, Direttore Festival BITEF (Belgrado)
Festival internazionali: nuove funzioni e strutture innovative

Velia Papa, Direttore In teatro Polverigi
La mobilità internazionale degli artisti e dei gruppi come condizione creativa

Franck Bauchard, Responsabile del Centro Nazionale delle Scritture dello spettacolo – La Charteuse, Villeneuve-les-Avignon
Rimettere in discussione gli schemi dell’arte e della cultura: l’esperienza delle residenze e degli approfondimenti alla Chartreuse

15.45 – 17.00 Residenze e accompagnamento

Morag Deyes, Direttore Dance Base, Scotland’s National Centre for Dance
Accompagnamento e Danza, il caso Dance Base

Dino Somadossi, Centrale Fies
Centrale Fies a Dro: ambienti per la creazione di performing arts

Gabriella Triantafyllis, general manager Bios, exploring urban culture (Athens)
Una residenza per forme nuove nella città di Atene

Gimmi Basilotta, Presidente Associazione Piemonte delle Residenze
Tra attori e spettatori: processi e progetti di formazione sul territorio per le nuove generazioni.

E ancora: l’evoluzione dell’esperienza francese, la residenza “d’autore” e altro: interventi in via di definizione

17.30 Coffee break e partenza per residenze dagli alberghi

Sabato 13 marzo

10.00 – 12.00 Insediamenti mobili – esperienze e esperimenti sul territorio

Massimiliano Cividati, ETRE, Esperienze Teatrali di Residenza
La residenza, ovvero il Viaggio Immobile

Averyl Dooher, responsabile Nomad Network e Mona Considine, General Manager Backstage Theatre, Irlanda
Nomad: teatri e compagnie in rete

Carmelo Grassi, Presidente Teatro Pubblico Pugliese
I teatri abitati in Puglia

Renzo Boldrini, Giallomare Minimal Teatro-Teatro comunale Verdi di Santa Croce sull’Arno
Toscana: futuro prossimo, come gestire il riconoscimento regionale delle Residenze

Nuove frontiere delle relazioni internazionali

Ahmed El Attar, Emad Eddin/ See Foundation (Il Cairo)
Nuovi spazi indipendenti al Cairo e Relazioni Internazionali

Ilkay Sevgi, Simya Arts Istambul
Performing arts in Turkey within new international perspective. Artistic and Cultural Relations

Sabine Kock, Freie Theater Vienna e EON,
Networking: efficacia del modello informale in un contesto di fragilità strutturale. Riflessioni a partire dall’esperienza della Rete Europea Off EON

E ancora: Festival mutanti e nuove forme di coproduzione: interventi in via di definizione

12.00 – 13.00 interventi e discussione

Il presente programma è suscettibile di variazioni



PROGRAMMA SPETTACOLI


GIOVEDÌ 11
CARCERE DI BOLLATE – BOLLATE (MI):
RESIDENZA TEATRO IN-STABILE
21.00
Arteatro Le rughe del tempo durata 20 min.
con Betty e Paolo Colombo
Residenza I Giazer
Le “rughe del tempo” sono i segni visibili e invisibili che il trascorrere del tempo lascia sui volti, nelle mani, sui corpi, trasformandoli in paesaggi di memoria. Due di queste carte geografiche umane vengono qui esplorate: da un lato una ricerca in cui i ricordi autobiografici si intrecciano alla metamorfosi poetica degli oggetti; dall’altro una ex-deportata dei lager nazisti che combatte ogni giorno contro la memoria che, come un artiglio, la attanaglia.
Arteatro
Caratteristiche salienti del progetto di residenza sono un nuovo sviluppo del già consolidato rapporto con il territorio di riferimento, la valorizzazione anche turistica di quest’ultimo, attraverso l’organizzazione di eventi teatrali e artistico-visivi creati ad hoc per valorizzare al massimo quei siti del Lago di Varese particolarmente significativi dal punto di vista culturale e ambientale.
Dal punto di vista artistico, la specificità della residenza sarà un percorso che, partendo dalla consolidata esperienza della compagnia nel campo del teatro di figura e dei burattini, si svilupperà sempre di più avvicinandosi e percorrendo forme spettacolari diverse in particolare legate alla narrazione e alle arti visive.

21.30 [Cena_Dinner]
Catering a cura di Cooperativa estia_Catering made by Cooperativa estia
La Cooperativa e.s.t.i.a., fondata nel 2003, è una cooperativa sociale onlus di 20 persone nata dall’incontro di differenti professionalità che da più di dieci anni svolgono attività culturali e formative nelle carceri milanesi. Il principio base del nostro operare è volto all’incentivazione dell’autosufficienza economica e dell’autonomia socio-professionale delle persone detenute, all’ampliamento delle attività esterne della cooperativa, in modo da offrire ai soci una prospettiva concreta di reinserimento lavorativo una volta usciti dal carcere.

NAVETTA GRATUITA DA/PER HOTEL/RESIDENZA_FREE BUS FROM/TO HOTEL/VENUE
PARTENZA NAVETTA DALL’HOTEL IBIS VIALE TUNISIA ORE 18.00_DEPARTURE BUS FROM HOTEL IBIS VIALE TUNISIA AT 6.00 P.M.

22.30
Teatro Periferico Mater Strangosciàs durata 30 min.
di Giovanni Testori con Dario Villa
Residenza Periferico Valcuvia
Mater Strangosciàs è il tragico monologo della Madre di Cristo sotto la Croce. Giovanni Testori, l’autore, descrive la Madonna (una donna povera e ignorante, lontana dall’essere una regina) mentre racconta al pubblico la vita di Suo Figlio, quando era solo un bambino felice. Come nel poema di Jacopone da Todi, Lei si ribella al terribile destino di Suo Figlio, finché Gesù Le parla dalla Croce, la placa, fino a farle capire il vero scopo del Suo dolore, in attesa della resurrezione grazie alla quale tutti saranno salvati.

Teatro Periferico
La residenza Periferico Valcuvia ospita Promoarte/Teatro Periferico, compagnia composta da dieci elementi, che si riconosce nello stile maturato da Paola Manfredi. La regista ha sviluppato negli anni una sua personale poetica, che non si manifesta tanto in una uniformità stilistica esteriormente riconoscibile, quanto in una coerenza interna, sotterranea, che si realizza nel lavoro sull’attore, rifuggendo gli psicologismi e partendo dall’organicità del corpo.

23.00

Dionisi Serate Bastarde 2 durata 20 min.
di Renata Ciaravino e Carmen Pellegrinelli con Cristina Bugatty, Renata Ciaravino, Carmen Pellegrinelli
Residenza Dioniso in A8
L’Italia vista attraverso le tv locali. La chitarra di Cicci Condor su Canale Italia; “Chi è mancato in settimana?” il necrologio spettacolarizzato di Tele Clusone; le interviste su Telenapoli 34; la pubblicità del Dottor Mario Petracca su Telepadova; le cantanti dialettali di Bergamo Tv; la sensitiva sig.ra Galanti di Europa TV.
I rumors di provincia, il tessuto dell’Italia. Un piccolo spaccato che racconta tante Italie che parlano lingue diverse, accomunate da una stessa drammatica, incosciente e malinconica spensieratezza.

Compagnia Dionisi
La Compagnia Dionisi è composta da Renata Ciaravino e Carmen Pellegrinelli, oltre a diversi collaboratori che da anni vi lavorano stabilmente. La Compagnia Dionisi nasce nel 2000 e lavora principalmente sulla drammaturgia contemporanea e su temi di impegno civile. A partire dal 2008 e per 3 anni, la compagnia è residente al Teatro del Popolo di Gallarate, con il finanziamento di Fondazione Cariplo, che le è stato assegnato nel 2007. L’attività della compagnia è sostenuta in modo continuativo da Regione Lombardia e Comune di Milano, oltre che da altri Enti a seconda dei progetti che vengono di anno in anno sviluppati.

TEATRO DEL POPOLO – GALLARATE (VA):
RESIDENZA DIONISO IN A8
21.00
Giulio Cavalli A cento passi dal Duomo durata 60 min.
di Giulio Cavalli e Gianni Barbacetto con Giulio Cavalli musiche in scena di Gaetano Liguori
Residenza Progetto Anabasi
Il lavoro di Cavalli e Barbacetto colpisce l’essenza stessa della mafia al Nord, mettendola a nudo, mostrandone la collusione con la politica e la sua capacità di infiltrarsi nei gangli del potere. “Una ninna nanna dolce per un risveglio brusco di quella Lombardia che si crede immune dalla mafia”.

Bottega dei Misteri Teatrali
L’ Associazione Culturale Bottega Dei Mestieri Teatrali è nata a Lodi nel 2001 sotto la guida di Giulio Cavalli. La tradizione della Commedia dell’Arte e l’utilizzo della giullarata applicati a temi del presente sono divenuti elementi unici e distintivi per realizzare spettacoli connotati da un forte impegno civile, con testi originali basati su rigorose ricerche in stretta collaborazione con giornalisti, periti e giudici che hanno messo a disposizione del teatro la propria professionalità.
Nell’autunno 2007 la compagnia si è aggiudicata la direzione e la gestione del Teatro Nebiolo di Tavazzano con Villavesco (LO) ad oggi sede della residenza della compagnia che sta sviluppando il progetto Anabasi.

VENERDÌ 12

TORRE DELL’ACQUEDOTTO – CUSANO MILANINO (MI):
RESIDENZA TORRE DELL’ACQUEDOTTO

19.15 – 20.15
Visita alla Torre dell’Acquedotto

19.55
Araucaìma Teater Domine de Spirite durata 20 min.
con Simona Zanini, Chiara Donizelli, Ilaria Pezzera, Giada Nossa, Miriam Gotti, Francesca Cecala, Elena Borsato, Erika Baggi, Clara Zanoli, Francesca Minutoli regia Alberto Salvi luci Pietro Bailo

Residenza La Mansiòn
La compagnia propone un repertorio di canti appartenenti alla tradizione popolare. Si tratta di un percorso canoro unicamente a cappella che riprende e rielabora sonorità della cultura sacra dell’Italia del sud, unitamente a canti di diverse nazionalità europee: albanese, bulgara, dalmata, ungherese. Interprete un coro di voci femminili, alternato ad una voce recitante che introduce il pubblico al canto.

Araucaìma Teater
Gli obbiettivi della residenza La Mansiòn sono molteplici e passano attraverso il miglioramento dell’attività di produzione, con un’organizzazione del lavoro in grado di garantire dei tempi dedicati alla stessa, aumentando le ore di prova e incrementando i tempi di ricerca, garantendo adeguati contratti al personale artistico e tecnico. Si persegue un consolidamento della cultura teatrale nel territorio attraverso un’attività di circuitazione di opere intensa e continua. Altro obiettivo è l’organizzazione di un’attività di formazione stabile rivolta alle scuole, agli allievi-attori, alle realtà di marginalità sociale e agli artisti professionisti collaboratori della compagnia. Il quarto obiettivo, a più ampio raggio, è la realizzazione di un’azione continuativa e strutturata di relazioni e collaborazioni con le compagnie teatrali sul territorio nazionale, alla coproduzione di performances teatrali con altre compagnie ed alla circuitazione internazionale dei propri spettacoli.

SPAZIO MIL – SESTO SAN GIOVANNI (MI):
RESIDENZA PUL

21.00

Sanpapié Boh durata 40 min.
di Sarah Chiarcos e Lara Guidetti coreograa Lara Guidetti drammaturgia Sarah Chiarcos musiche
Marcello Gori con Lara Guidetti
Residenza PUL
BOH è la risposta che ti dai davanti a qualcosa che non ti sai spiegare.
BOH lo puoi dire quando non è importante capire.
BOH di per sé non significa niente, ma è un punto fermo, non prevede repliche.
BOH arriva in fondo, alla fine.
BOH è semplice.
BOH è semplicemente BOH.

PUL
Sanpapié indaga le forme e i linguaggi della coreografia e della drammaturgia alla ricerca di una terza forma e di un terzo linguaggio che abbia la riconoscibilità del linguaggio teatrale e le possibilità espressive della coreografia. La drammaturgia si tende verso il corpo, scrive per il corpo, trasforma per il corpo immagini, contenuti, storie. la coreografia lavora a partire dal corpo verso qualità di movimento che sappiano raccontarlo e raccontare in costante confronto e rapporto con spazi e oggetti. Il percorso è attraversato da incontri ed esplorazioni di diversi linguaggi espressivi.
Nel 2008 le compagnie Babygang, Band à Part e Sanpapié partecipano e vincono il Bando Etre Esperienze Teatrali di Residenza indetto da Fondazione Cariplo in collaborazione con Tieffe Teatro Stabile e il Comune di Sesto San Giovanni. Nasce quindi il progetto PUL, la prima residenza multipla in Italia.

21.45

Slapsus FairPlay durata 6 min.
di e con Lorenzo Baronchelli, Michele Cremaschi, Pierangelo Frugnoli, Manuel Gregna
Residenza Initinere
Un’olimpiade di risate: FairPlay è il goffo tentativo di cimentarsi per la prima volta in una sconosciuta specialità sportiva, è la sfida al campione in carica per la conquista del podio, è l’incidente che avviene nel bel mezzo della gara. Quattro clown alle prese con svariate discipline sportive con esiti non sempre da campioni.

Slapsus
La Residenza Teatrale InItinere ha sede nel territorio del comune di Bergamo, in una valletta caratterizzata da un suggestivo paesaggio composto da terrazze a prato e coltivi. All’interno della residenza coesistono percorsi di ricerca artistica che spaziano dall’arte di strada e negli spazi aperti, al teatro comico gestuale nella tradizione della physical comedy, al teatro multimediale, al teatro per ragazzi. La relazione tra arte di strada e multimediale sarà il centro della sperimentazione produttiva della residenza per il triennio 2010-2012, nel solco della migliore innovazione europea a livello di teatro in spazi aperti.

22.00 [Cena_Dinner]

23.00
Scarlattine Teatro Scirocco durata 50 min.
da un’idea di Michele Losi di e con Giulietta De Bernardi, Anna Fascendini, Joseph Scicluna, Agnese Bocchi, Marco Mazza musiche dal vivo di Adalberto Ferrari, Andrea Ferrari, Claudio Lentini, Saverio Zinni lm di sala di Tonino De Bernardi e di Martino Ferro, Andrea Barese,
Roselie Pereira
Residenza Monte di Brianza
Un Caronte scafista di nome Joseph aiuta il pubblico ad attraversare il mare, introducendo lo spettacolo con un racconto sull’origine del male. È il mare quotidiano dell’indifferenza, dove abitano i cinque migranti protagonisti di Scirocco, spettacolo in movimento tra musica ed azione teatrale.

Scarlattine Teatro
ScarlattineTeatro nasce nel 1999. Dal gennaio 2008 è Residenza Monte di Brianza. La Residenza promuove un teatro fatto di ospitalità e di un lungo permanere degli artisti e degli spettatori. Va verso la personalizzazione di ogni incontro, cucito addosso tanto alle compagnie ospiti che al pubblico. Risiedere per noi è diventare centro propulsore di produzione teatrale e di iniziative culturali su un territorio che si intende preservare paesisticamente e valorizzare artisticamente, facendo teatro in relazione costante con le altre arti performative e con il paesaggio. La Residenza fonda il progetto Campsirago su quattro azioni fondamentali: la produzione di spettacoli teatrali, l’organizzazione di festival ed eventi culturali, la formazione teatrale ed alle arti performative, l’attività di rete con le altre residenze teatrali e con associazioni quali Legambiente ed il Cai.
ScarlattineTeatro produce spettacoli di teatro sociale, drammaturgia contemporanea e per bambini, accomunati da una speciale attenzione per il teatro fisico e d’innovazione.

23.50

Band à Part Bauman Circus durata 10 min.
in coproduzione con TIEFFE –Teatro Stabile d’Innovazione e Mittelfest2008 ideazione e regia Paolo Giorgio con la collaborazione di Tiziano Turci musiche di Nicola Arata spazio a cura di Guido Buganza video Vincenzo Genna con Mohamed Ba, Anastasia Zagorskaya, Charles Uguen,Ilaria Tanini, Tiziano Turci e la PIM Ensemble Orchestra (Gianluca “The Huge” Plomitallo, Ambra Rinaldo, Alessandro Bider, Fabrizio Buttò, Elia Moretti) diretta da Nicola Arata

Residenza PUL
Bauman (Zygmunt) Circus tenta di leggere la realtà a partire dalle opere di Zygmunt Bauman, con la prospettiva e lo sguardo della generazione che ha oggi intorno ai trent’anni. La generazione che con più chiarezza ha guardato il mondo mutarle intorno. La generazione alla quale con più urgenza si chiede oggi di immaginare il proprio futuro. Perché quel futuro ha già cominciato a viverlo.
Come l’opera a cui si ispira, Bauman Circus è una struttura fluida, aperta, indefinibile.

PUL
La Compagnia Band à Part, fondata da Paolo Giorgio, Tiziano Turci e Mara Ferrieri, non è una compagnia in senso stretto, non segue una logica di gruppo, ma preferisce definirsi un progetto. È uno spazio aperto che promuove l’interazione fra artisti, costruendo occasioni di incontro e di scambio legate a progetti definiti. Il senso del suo fare artistico si manifesta in processi di lavoro teatrale che organizzano, nel solco di un obbiettivo artistico comune, competenze diverse: attorno e dentro Band à Part lavorano attualmente un regista, un compositore, diversi attori italiani e stranieri, videomakers, grafici, una fotografa, un drammaturgo, uno scenografo, tutti non più che trentenni. Il rapporto con i collaboratori è fluido, mobile, aperto. Si struttura sulle esigenze di ogni progetto e prevede permanenze, scambi, arrivi e partenze.
Nel 2008 le compagnie Babygang, Band à Part e Sanpapié partecipano e vincono il Bando Etre Esperienze Teatrali di Residenza indetto da Fondazione Cariplo in collaborazione con Tieffe Teatro Stabile e il Comune di Sesto San Giovanni. Nasce quindi il progetto PUL, la prima residenza multipla in Italia.

00.00

Teatro Inverso Joy (short version) durata 20 min.
progetto di Davide D’Antonio con Roberto Capaldo, Davide D’Antonio
Residenza IDRA
Joy è uno spettacolo grottesco dove l’assurdità viene presa come paradigma del vivere quotidiano
e viene utilizzato come strumento per smascherare ironicamente le nostre paure, facendoci
prendere coscienza forse del più grande paradosso umano: della limitatezza delle suo agire e della
grandezza del suo essere. Joy è una performance altamente sperimentale dove la linea
drammaturgica è ottenuta dalla alternanza tra improvvisazione e strutturazione attraverso il
metodo della composizione istantanea.
”.
Teatro Inverso
Residenza IDRA- Independent DRAma nasce nel 2008 quando Teatro Inverso -compagnia votata
all’innovazione ed alla ricerca di Brescia – partecipa al Progetto Être di Fondazione Cariplo.
Residenza Idra concentra la sua attenzione principalmente sulla promozione e l’incentivazione
della nuova drammaturgia e del suo rapporto con le forme artistiche legate alla performing art. La
produzione è il perno centrale della Residenza e abbraccia campi molteplici di intervento: dal
teatro alla danza, alle performance senza soluzione di continuità. Accanto a questa la residenza
organizza il Festival internazionale Fiabe e Contaminazioni e la Stagione teatrale del Teatro Casazza
a Brescia, che vengono visti come momenti di laboratorio di idee e di interscambio con le realtà
nazionale ed internazionale.
“
SABATO 13
TRIENNALE DI MILANO – MILANO:
RESIDENZA MAKING ARTS
15.30
Teatro delle Moire Marilyn’s Bedroom durata 30 min.
concept e coreo-regia Attilio Nicoli Cristiani, Alessandra De Santis interpreti Alessandra De
Santis, Giorgia Maretta, Attilio Nicoli Cristiani set design Nicolas Bovey costumi Maurizio
Cristina sound design Simona Diacci lighting design Lorenza Bonfanti organizzazione Anna
Bollini
Residenza Home Theatre
Da tempo il Teatro delle Moire lavora su alcune icone pop per interrogarsi sulla questione
dell’identità e sui miti contemporanei. In Marilyn’s Bedroom un grande letto è abitato da tre
Marilyn Monroe identiche ma incarnate da corpi assolutamente differenti che, attraverso la
propria specificità, rivelano strati e sensi nascosti della figura, ambiguità e derive.
Teatro delle Moire
Home Theatre è una residenza che si realizzerà negli spazi di LachesiLAB, atelier creativo del Teatro
delle Moire di Milano; inaugurato nel 2008, non è solo uno spazio, ma un progetto che vuole
essere un luogo aperto alla città e ai suoi artisti. Non solo una casa per il Teatro delle Moire, ma
anche un punto di aggregazione e di scambio, dove sia possibile presentare e visionare progetti
ancora abbozzati, creando la possibilità di confronto tra artisti, studiosi e operatori anche durante
il percorso di creazione. Un punto di raccolta, di passaggio e di intreccio delle energie creative e
innovative della città. Home Theatre accosta queste due parole inglesi, solitamente usate per
definire un impianto audiovisivo da appartamento, giocando con le parole casa e teatro, a
sottolineare la dimensione intima e vicina al pubblico che si respira a LachesiLAB.
16.00
Takla Improvising Group Making Duo durata 20 min.
Improvvisazione per corpo e batteria con
Cristina Negro e Filippo Monico
Residenza Making Arts
Making Duo – per corpo e batteria
Improvvisazione per corpo e batteria che vede in scena Cristina Negro e Filippo Monico. Come in
tutte le nostre produzioni “dell’istante” anche in questa occasione siamo focalizzati e concentrati
sul processo della creazione lasciando che il prodotto finale possa nascere da sè. L’atmosfera che
si crea è vigile e attenta, surreale e sorprendente poiché nasce in tempo reale davanti allo
spettatore.
Takla Improvising Group
La Residenza TAKLA MAKING ARTS intende offrire un progetto incentrato sulla “composizione in
tempo reale” e il suo processo artistico, fondato sui valori della ricerca, della sperimentazione, del
possibile dialogo tra i vari linguaggi artistici. La Residenza darà vita a “produzioni dell’istante” con
artisti italiani e internazionali, creerà eventi, incontri a tema, convegni, organizzerà un Festival
d’Improvvisazione, concorsi per artisti under 30 e over 40 e offrirà numerose occasioni di percorsi
formativi attraverso workshop intensivi. Il progetto trova la sua collocazione negli spazi della
TRIENNALE DI MILANO , luoghi prestigiosi e ideali per le azioni performative, che non richiedono
necessariamente un pubblico frontale, né un palcoscenico, ma che necessitano di un rapporto
ravvicinato con il pubblico.
16.30
delleAli Voce ego sum durata 20 min.
voce Antonello Cassinotti clarinetto Giancarlo Locatelli
Residenza Textura
VOCE EGO SUM è ovvia e ironica parodia di COGITO ERGO SUM.
La voce esprime se stessi, prende spazio, si dimensiona e si allunga, si dà come corpo, è prolunga
dall’IO o dall’ES all’ES-terno, dal sé stesso all’Es-pressione di sé. Succede emotivamente laddove
non ve ne è intenzione. Dove invece l’esasperazione o la determinazione dell’EGO / Artista cerca
di manifestare un ES-empio o pieno di SÉ ecco che la voce / arte diviene manifesto ES-asperato.
L’EGO / Artista si manifesta attraverso la voce ed è pieno di SÉ, parla di SÉ amplificandosi, dandosi
come VOCE che è in quanto tale, un NOME, un’INTENZIONE, un MANIFESTO.
delleAli
delleAli da anni esplora il rapporto tra i diversi linguaggi espressivi: parola, movimento, gesto,
immagine, suono, musica… Da questo studio, la compagnia ha sviluppato un proprio modo
espressivo che può essere definito ‘teatro sonoro’. È un teatro dove l’uso della voce molto spesso
si lascia alle spalle le regole del senso comune, al fine di diventare l’anima di un corpo “organico”.
TEXTURA premiata residenza teatrale interdisciplinare del vimercatese, è un progetto realizzato
con il sostegno del Comune di Vimercate, della Fondazione Cariplo e di partner locali. TEXTURA
vuol essere un laboratorio permanente, una casa del teatro, un “opificio”, dove artisti di varie
discipline abbiano la possibilità di operare in una situazione protetta e di fertile collaborazione
artistica, dalla produzione alla programmazione, alla formazione ed alla cura di eventi culturali.
TEXTURA premiata residenza teatrale interdisciplinare del vimercatese (TEXTURA award-winning
resident theatre interdisciplinary of Vimercate), is a project implemented with the support of the
City of Vimercate, the Foundation Cariplo and local partners. TEXTURA wants to be a permanent
laboratory, a theatre house, a “factory” where artists of various disciplines are able to operate in a
protected situation and fruitful artistic collaboration, productions, theatrical and poetry review,
training and cultural events.
NAVETTA GRATUITA DA/PER HOTEL/RESIDENZA_FREE BUS FROM/TO HOTEL/VENUE
PARTENZA NAVETTA DAL TRIENNALE CADORNA ORE 17.00_DEPARTURE BUS FROM TRIENNALE CADORNA AT 5.00 P.M

VILLA ARCONATI – CASTELLAZZO DI BOLLATE (MI):
RESIDENZA SUBURBIA
18.30
Nudoecrudo Teatro L‘Isola durata 45 min.
dall’omonimo libro di Armin Greder, ed. Orecchio Acerbo2007
scrittura scenica Alessandra Pasi con Franz Casanova, Alessandra Pasi sonorizzazione ed illuminazione
Luca De Marinis elementi sceno-graci Filippo Fossati
Residenza Suburbia
L’isola, una lirica e livida favola dell’esclusione. Una storia di tutti i giorni, come recita il sottotitolo,
che mette in scena una parabola paradigmatica dell’immigrazione clandestina senza alcuna
auspicata integrazione ad allietare il finale. Riallacciandoci alla tradizione orale e comunitaria della
favola, abbiamo mosso alla ricerca di una nuova narrazione in cui la poesia fosse affidata, oltre che
alla potenza evocativa della storia, all’uso della luce e dell’ombra, alla suggestione visiva, alla
tecnica vocale ed alla vibrazione rarefatta di un minuzioso lavoro di sonorizzazione.
Nudoecrudo Teatro
Nudoecrudo teatro si distingue per una forte politica di progettazione per il territorio, che dal 2006
ha dato vita al Festival Suburbia, di cui l’omonimo progetto di Residenza è la naturale evoluzione.
Accanto alla produzione artistica, il progetto incontra la comunità grazie alla proposta di spettacoli,
a percorsi di formazione per lo spettatore ed allo sviluppo di collaborazioni con le realtà artistiche,
sociali e le istituzioni scolastiche del territorio. L’attenzione e l’interesse verso le altre esperienze

Fondazione_Cariplo_e_Associazione_Etre

2010-03-06T00:00:00

Share



Tag: Etre (30), FondazioneCariplo (5), Residenze (41)


Scrivi un commento