BP2011 MATERIALI La Rete dei Teatri di Resilienza

Rigenerazione culturale e Resistenza per una Decrescita serena

Pubblicato il 02/03/2011 / di / ateatro n. #BP2011 , 132 / 0 commenti /
Share

Ambito tematico
Fare rete (e rapporto con lo spettatore -inteso come partecipazione della comunità-)

Obiettivo concreto
Fare rete tra realtà dell’intero territorio nazionale animate dalla necessità autentica di portare un messaggio di speranza, in un contesto di forte disgregazione sociale come quello attuale, dando testimonianza attraverso il teatro (inteso soprattutto come spazio d’incontro e partecipazione) di pratiche artistiche come possibilità di rigenerazione culturale e resilienza.

Perché
Dal dibattito e confronto intorno alla rivista e al convegno Teatri delle diversità, sei compagnie teatrali, diverse per esperienza, forma giuridica, modalità di lavoro, linguaggi teatrali praticati, ecc. ma simili nell’approccio teorico e nella sensibilità estetica ed etica, decidono di riunirsi in una rete per meglio circuitare i loro spettacoli creando una rassegna itinerante, ovvero un calendario di spettacoli che viene proposto in diverse regioni d’Italia ma che fa riferimento ad un’organizzazione e a fonti di finanziamento locali.

Come
Creando momenti d’incontro e di scambio artistico-culturale attraverso convegni e festival nelle differenti sedi delle diverse compagnie (sei compagnie rappresentanti di cinque regioni d’Italia di cui due con sede in Piemonte -Torino e Cuneo-) e lavorando alla progettazione e all’organizzazione invece a livello locale, più autonomamente e dunque in modo più snello e rapido, portando però nello stesso tempo la forza di una realtà di portata nazionale.

Metodologia
Affiancamento di una precisa linea teorica saldamente condivisa e di prassi teatrali anche differenti ma che hanno obiettivi e intenti comuni (tutte le compagnie della rete coinvolgono la comunità con l’organizzazione di eventi e la presentazione di spettacoli, ma anche in modo più diretto proponendo laboratori teatrali aperti a tutti e perlopiù gratuiti che toccano tematiche di sensibilizzazione sociale per attivare concrete strategie di resilienza sia nei riguardi della comunità territoriale che di quella teatrale al suo interno).

Bisogni
Relazionarsi con realtà teatrali lontane nello spazio e vicine per principi e pratiche, dunque in situazione non concorrenziale dal punto di vista della ricerca fondi, al fine di far conoscere il proprio lavoro ad un più vasto pubblico e di creare un circuito dedicato: resilienza per la comunità e anche per i gruppi teatrali che trovano motivazione e allargano concretamente le possibilità di visibilità, finanziamento, lavoro, ecc.
Dialogare tra di noi, con nuove realtà che vogliano aderire alla rete e con il pubblico, soprattutto quello giovane poco abituato alla frequentazione dei teatri, anche attraverso il web e con l’intervento teatrale in spazi quotidiani.

Fasi
Dibattito teorico attraverso la rivista e il convegno Teatri delle Diversità.
Riunione in rete con l’attivazione di scambi concreti (inviti a convegni, rassegne, spesso tematiche, ed esperienze di residenzialità artistica).
1. Convegno Teatri delle Diversità, Cartoceto, ottobre 2008
2. Convegno Il teatro sociale come progetto culturale e espressione di comunità, Bucine AR aprile 2009
3. Festival Scene di frontiera, Novafeltria, giugno 2009
4. Convegno Teatri delle Diversità, Cartoceto ottobre 2009
5. Rassegna Eccentrico. Teatro d’innovazione e teatri delle diversità, Torino, maggio 2010
6. Rassegna DDT (di Diversi Teatri delle Diversità) Imola giugno 2010
7. Rassegna Stazione Estiva (residenzialità artistica e allestimento spettacolo sui temi della decrescita serena -Progetto “Su il sipario sulla salute. Prassi artistiche e culturali partecipate per il benessere e la salute di comunità”-) Laterina -AR- luglio 2010
8. Convegno La necessità dell’arte, Bucine, ottobre 2010
9. Progetto “Su il sipario sulla salute. Prassi artistiche e culturali partecipate per il benessere e la salute di comunità” circuitazione spettacolo sul tema della decrescita serena Cuneo e Provincia ottobre 2010-maggio 2011
10. Convegno Teatri delle Diversità, Urbania, gennaio 2011 (presentazione ufficiale della Rete che segue la pubblicazione del documento sul n. 54/55 di “Teatri delle Diversità” novembre 2010 e la video intervista a Serge Latouche sui temi affrontati dalla Rete)

Monitoraggio e divulgazione dei risultati
Documentazione video e fotografica di tutte le iniziative, valutazione attraverso la discussione faccia a faccia e via web, pubblicazione dei resoconti delle iniziative sulle riviste specializzate (per ora Teatri delle Diversità e Promozione Salute oltre ai media a carattere locale) e realizzazione di sintesi fotovideo degli eventi diffuse su You-Tube e sui siti di ogni singola compagnia e su quello comune attivato ad hoc.
Adesione di nuove compagnie alla rete.

Fondatori Rete Teatri di Resilienza
GIULIANO SCABIA
Associazione ESSEOESSE.NET Onlus e Gruppo teatrale FuoriXCaso (CUNEO)
STALKER TEATRO società cooperativa (TORINO)
EXTRAVAGANTIS – Nuova Associazione Teatro Integrato e Compagnia Teatrale della Luna Crescente (IMOLA)
TEATRO AENIGMA associazione culturale (URBINO)
COMPAGNIA DIESIS TEATRANGO società cooperativa (Bucine- AREZZO)
NEON TEATRO associazione culturale (CATANIA)-

Rete_dei_Teatri_di_Resilienza

2011-12-02T00:00:00

Share



Tag: BPfinanziamento (18), BPmovimento (8), BPrete (21), BPteatrosociale (9)


Scrivi un commento