L’anello mancante | Gianfranco De Bosio regista e pedagogo: un incontro a Milano

Per Passioni e saperi, martedì 28 novembre al Laboratorio Formentini

Pubblicato il 22/11/2017 / di / ateatro n. 162 , Passioni e saperi / 0 commenti /
Share

Associazione Culturale Ateatro
Con il contributo di

FondazioneCariplo_marchio25mo

 

 

nell’ambito di

Progetto Passioni e saperi

martedì 28 novembre, ore 18.00
Laboratorio Formentini per l’Editoria, via Formentini 10, Milano

L’anello mancante | Gianfranco De Bosio regista e pedagogo

a cura di Raul Iaiza e Oliviero Ponte di Pino e con Mimma Gallina

Ruzante all’Olimpico, regia di Gianfranco De Bosio, Teatro Olimpico (1968), Milva e Franco Parenti.

Gianfranco De Bosio è stato protagonista di numerose stagioni del teatro italiano, come regista e come pedagogo. A lui si deve, tra l’altro, la riscoperta di un caposaldo della nostra drammaturgia (e della storia della letteratura italiana) come il Ruzante. Ripercorrere la carriera di questo maestro appartato consentirà a molti teatranti delle generazioni più giovani di confrontarsi con  una idea di teatro articolata e complessa, che trascende le mode e le contromode.

Il terrorista, regia di Gianfranco De Bosio.

Nato a Verona nel 1924, Gianfranco De Bosio ha preso parte alla Resistenza ed è stato membro del Cln provinciale. Nel dopoguerra è stato tra i fondatori del Teatro dell’Università di Padova.

La Betìa, regia di Gianfranco De Bosio

Dal 1957 al 1968 ha diretto il Teatro Stabile di Torino, è stato sovrintendente dell’Ente lirico Arena di Verona, dal 1998 insegna recitazione alla Scuola del Piccolo Teatro di Milano e alla Opera Academy di Verona.
Nel 2103 ha pubblicato il saggio Aida 1913-2013. Storia e immagini dell’Aida più vista al mondo (Il Saggiatore).

La sua autobiografia, La più bella regia. La mia vita, è stata pubblicata da Neri Pozza.

“Ha ragione De Bosio nel dire che l’intera sua vita è stata «la più bella regia». Ed è difficile dargli torto quando chiude in amarezza. Lui, che pure ha contribuito a fare grande il teatro pubblico, deve constatare che gli Stabili hanno perduto nel tempo la loro identità e che di stabile, ormai, non hanno che la struttura impiegatizia.” (Osvaldo Guerrieri, “La Stampa”, 5 agosto 2016)

L’ANELLO MANCANTE a cura di Raul Iaiza e Oliviero Ponte di Pino. Uno spazio di riflessione e di incontro in cui sia possibile scambiare e condividere esperienze tra generazioni diverse: da un lato alcune figure di spicco dell’arte teatrale, dall’altro un gruppo di giovani, per cercare di ricostruire il passaparola che permette di trasmette i saperi.

In collaborazione con Regula contra Regulam. Si ringrazia Laboratorio Formentini per l’Editoria.

Laboratorio Formentini per l’Editoria, via Marco Formentini 10

Share



Tag: DeBosioGianfranco (2)


Scrivi un commento