#BP Oltre la città. Cultura, territori, comunità

Al Teatro Biblioteca Quarticciolo il 26 ottobre 2020 dalle 15.00 e in diretta streaming

Pubblicato il 05/10/2020 / di / ateatro n. #BP2020 , 174 / 0 commenti /
Share

        e      

presentano

Le Buone Pratiche del Teatro

OLTRE LA CITTÀ
Cultura, territori, comunità
Teatro Biblioteca Quarticciolo, via Ostuni 8, Roma
26 ottobre 2020, 15-19.30

L’evento si terrà in presenza (su prenotazione fino a esaurimento posti)
e in diretta streaming

a seguire proiezione del documentario
Quarticciolo. La vita attorno a un tavolo

Negli ultimi anni siamo diventati più consapevoli del ruolo della cultura, e in particolare delle arti performative, come strumento di riqualificazione territoriale, di integrazione sociale, di consapevolezza individuale e collettiva, di formazione, di incremento del capitale cognitivo.
Si sono moltiplicate le esperienze che vanno in questa direzione che investono sia i tradizionali presidi culturali sia gli spazi di nuova concezione, ma anche i festival, che riguardano sia le aree urbane sia i piccoli borghi e le “aree interne”. Questi progetti sviluppano creatività e modalità operative inedite, basate sull’attivazione e sulla partecipazione dei cittadini.
Questa tendenza si sta accentuando in questo periodo di convivenza con Covid-19, che in tutti gli aspetti della vita culturale vede una crescente valorizzazione delle esperienze e delle pratiche “di prossimità”.
Nascono nuove problematiche, relative agli effetti di medio e lungo periodo, a cominciare dalla gentrification, ma che riguardano anche l’integrazione con le nuove tecnologie, la valutazione d’impatto, le difficoltà nel rapporto con le istituzioni. E restano sempre aperti i nodi dell’equilibrio tra gli obiettivi sociali e quelli estetici e delle ricadute politiche degli interventi.
L’appuntamento delle Buone Pratiche, che torna a Roma dopo cinque anni, si propone di mettere a fuoco il tema dal punto di vista economico, sociologico, urbanistico, dei linguaggi, del rapporto con le tecnologie, e presenterà una serie di esperienze recenti, a livello nazionale, con particolare attenzione al Lazio. Attraverso una serie di testimonianze e riflessioni, Oltre la città. Cultura, territori, comunità, vuole provare a individuale una serie di “buone pratiche” in un settore che sta manifestando notevole vitalità e che ha anche l’obiettivo di attivare comunità e cittadinanza.

Le Buone Pratiche del Teatro, a cura di Mimma Gallina e Oliviero Ponte di Pino, offrono dal 2004 un’occasione di incontro, riflessione e confronto sulla situazione dello spettacolo dal vivo nel nostro paese. Da sempre il cuore del progetto sono le “buone pratiche”: progetti, iniziative o attività innovative, che possono essere allargate (con varie forme di rete o aggregazione) e/o replicate in altre situazioni e realtà. Le Buone Pratiche è una iniziativa indipendente, autogestita e autofinanziata, organizzata dalla Associazione Culturale Ateatro. La numerosa e variegata partecipazione, il diretto e franco scambio di opinioni, un catalogo di esperienze che si accresce a ogni tornata hanno fatto delle Buone Pratiche un’occasione preziosa e partecipata.

Quarticciolo. La vita intorno a un tavolo documenta il l progetto ideato con Paola Berselli e Stefano Pasquini del Teatro delle Ariette nel quartiere nel settembre 2020. La residenza artistica ha messo in dialogo la compagnia emiliana con le famiglie del Quarticciolo e dei quartieri limitrofi. Quattro Cortili del Quarticciolo, grazie a tavolini, ghirlande luminose, canne, pentole e verdure si trasformano in immaginari caffè mediterranei per ospitare gli spettatori che, secondo il regolamento emergenziale Covid-19, siedono ai tavoli organizzati con posti alternati e numerati come in una immaginaria mini platea teatrale. Al termine di ogni performance, condividendo il couscous, la compagnia (di cui fa parte anche Maurizio Ferraresi) chiedeva informalmente agli spettatori racconti sul tema dello “straniero” e su chi volesse ricambiare l’invito, e ospitarla nella propria casa per un pranzo o una cena. Incontri organizzati ma anche casuali, quindi, nelle case e nel quartiere, rubati dalla telecamera del regista e sceneggiatore Alberto Caviglia.

Per info segreteria@ateatro.org

Share



Tag: BPaudiencedevelopment (12)