Le arti dello spettacolo dal vivo: passioni e saperi. L’Associazione Culturale Ateatro presenta le attività 2016/2017

Il Direttivo aperto (12/09, Teatro Filodrammatici, Milano) e la conferenza stampa (15/09, Libreria del Mondo Offeso, Milano)

Pubblicato il 07/09/2016 / di / ateatro n. 159 / 0 commenti /
Share

La Associazione Culturale Ateatro presenterà nei prossimi giorni il programma delle attività per il 2016/2017, con il progetto “Le arti dello spettacolo dal vivo: passioni e saperi”.

Effetti speciali: l'etichetta dello champagne imbottigliato per celebrare i 10 anni di www.ateatro.it

Effetti speciali: lo champagne per i 10 anni di www.ateatro.it

Lunedì 12 settembre, alle ore 17, presso il Teatro Filodrammatici, via Filodrammatici, Milano (Teatrino della Scuola), Milano, il direttivo dell’Associazione, aperto come è ormai consuetudine per le riunioni più significative alla partecipazione di tutti i soci, discuterà la messa a punto del programma (elaborato a partire dalle linee discusse nell’assemblea del 28/2) e definirà le attività per i prossimi mesi.
Giovedì 15 settembre, alle ore 18, presso la Libreria del Mondo Offeso
, piazza San Simpliciano 7, Milano, verrà presentato il programma, con il calendario settembre-dicembre 2016. L’incontro sarà anche l’occasione per brindare insieme ai 15 anni di www.ateatro.it, uno dei più longevi siti di cultura teatrale del mondo…

Si prega di comunicare la propria partecipazione a buonepraticheteatro@gmail.com.
Chi non si fosse ancora iscritto alla Associazione Culturale Ateatro per il 2016 può farlo on line, o di persona (intervenendo agli incontri del 12 e del 15 settembre).

Le arti dello spettacolo dal vivo: passioni e saperi
Sintesi e obiettivi del progetto

Il progetto Passioni e saperi, che ha ottenuto un contributo di Fondazione Cariplo, è “un progetto di comunicazione, informazione e formazione sullo spettacolo dal vivo rivolto a operatori e spettatori, articolato attraverso incontri, attività formative e informative, occasioni di approfondimento, che produce documentazione sia digitale sia cartacea”.

Queste funzioni vengono sviluppate in maniera articolata e organica, nella prospettiva dello Audience Development e Audience Building. Al centro dell’attività, la memoria viva del teatro, sintetizzata nell’espressione “La memoria del futuro” che ha caratterizzato la progettualità dell’Associazione negli ultimi anni.
L’obiettivo del progetto è sensibilizzare e formare gli operatori, e coinvolgere gli spettatori, per allargare la domanda di un teatro qualificato

Le Buone Pratiche del Teatro, 27 febbraio 2016. Carlo Fontana tra Gianni Torrenti e

Le Buone Pratiche del Teatro, 27 febbraio 2016. Carlo Fontana e Gianni Torrenti.

I filoni di intervento:

# analizzare e documentare l’esistente, sia sul versante artistico sia su quello organizzativo e di economia e politica dello spettacolo;
# costruire memoria attraverso l’attività editoriale (sul sito e su carta);
# mantenere vivo il legame con la storia e le tradizioni del teatro, soprattutto attraverso il costante riferimento ai Maestri;
# mettere in stretto rapporto tutte queste attività con l’evoluzione delle arti e della società, oltre che con la proiezione futura del teatro, attraverso l’analisi di fenomeni e tendenze, e soprattutto attraverso l’attenzione ai giovani e a nuove modalità organizzative, nuove tecnologie e nuove forme artistiche.

Le Buone Pratiche teatro e cinema al Teatro Argentina, 14 febbraio 2015

Le Buone Pratiche teatro e cinema al Teatro Argentina: Paolo Sorrentino e Toni Servilo

L’Associazione Culturale Ateatro, attraverso il progetto “Passioni e saperi”, si propone di contribuire a formare:

# Spettatori più consapevoli, in grado di orientarsi in una offerta teatrale ricca e variegata (e dunque abbassare la soglia d’accesso verso esperienze teatrali innovative).
# Operatori coscienti dei meccanismi che regolano la produzione e la promozione teatrale, in grado di affrontare e gestire la complessità dell’attività culturale in uno scenario in rapido mutamento, in grado di sfruttare le opportunità delle nuove tecnologie.
# Giovani imprese teatrali meglio attrezzate per sviluppare il loro progetto culturale e imprenditoriale.
# Pubblicazioni, digitali e cartacee, che offrano adeguati strumenti culturali e tecnici.
# Costituire un punto di riferimento per la comunità del teatro: professionisti, spettatori, studiosi e studenti.

Le arti dello spettacolo dal vivo: passioni e saperi
Modalità di intervento

Il progetto si articola secondo diverse modalità di intervento.

BP2014

Il volume edito da FrancoAngeli documenta dieci anni di Buone Pratiche del Teatro.

# Le Buone Pratiche del Teatro: presentano esperienze sostenibili e replicabili, offrendo visibilità a startup e progetti innovativi; occasione di dibattito e riflessione su temi cruciali dello spettacolo.
# www.ateatro.it: tra i siti più autorevoli del settore, un archivio di 2700 articoli ecc. Cura dal 2011 il database della produzione teatrale italiana.
# Ateatro Open: incontri per spettatori teatrali, volti allo audience development, svincolati dalla promozione dei singoli teatri.
# Ateatro Pro: incontri per operatori e professionisti, su tematiche e tecniche sullo spettacolo dal vivo con professionisti, in un’ottica di aggiornamento culturale e professionale.
# RicercAteatro: indagini e analisi utili al sistema teatrale.
# AteatroDoc: pubblicazioni (su carta e web) per offrire strumenti culturali e operativi.

Il 15 settembre 2016, presso la Libreria del Mondo Offeso, verrà presentato il progetto “Le arti dello spettacolo dal vivo: passioni e saperi”, con il calendario delle attività per i prossimi mesi.

cariplo115

Share



Scrivi un commento