Lasciar Ada: Vaniada di Fanny & Alexander a Milano

Dal 10 al 13 novembre al Teatro i

Pubblicato il 05/11/2005 / di / ateatro n. 090 / 0 commenti /
Share

Vaniada si configura come un’’uscita. Ada e Van, al termine della loro storia, ultracentenari, idealmente fusi in un solo archetipico essere, si trovano di fronte al grande dilemma della fine: vivere dentro un’opera significa anche saper rinunciare alla propria vita quando l’opera sta volgendo al termine.
Vaniada tratta della fine dell’opera in relazione al Tempo e alla Memoria. E’ uno dei temi fondamentali del romanzo, eppure ci è stato possibile affrontarlo pienamente solo adesso fino in fondo. E’ un tema durissimo che sfugge a ogni possibile tentativo di rappresentazione. L’opera contiene sempre un discorso sulla Memoria. Ma cosa succede se questa Memoria si fa riverbero, pura perdita, se la traccia che abbiamo inseguito finora (come solutori di enigmi della visione e detective dell’opera) si deposita vagamente sui nostri corpi imprimendovi un marchio quasi indecifrabile? Cosa accade se la Memoria diventa solo un segno indefinibile che l’opera ha lasciato o sta per lasciare su di noi? L’opera sembra allora quasi uno specchio, in cui a tratti ci è dato rifletterci. Ada e Van non potranno quasi più essere guardati, o riconosciuti, al di là delle nostre malferme sembianze.
Lo scarto per arrivare all’elaborazione di questo tema è stato prodotto ancora una volta in noi da un meccanismo linguistico, forse il più “adesco” possibile dei giochi: la sciarada. Tutto il tema della Memoria e dei suoi ambigui riflessi ha trovato nel meccanismo linguistico proprio della sciarada, o più precisamente della “frase doppia”, il suo ambiguo centro nevralgico. Cos’è una sciarada?

“Per fare una sciarada basta prendere una parola e tagliarla in due parti, scegliendo con cura il punto in cui affondare un coltello immaginario. Secondo i punti di vista si può definire una sciarada come una parola che si divide e dà vita ad altre due parole, oppure come due parole che si uniscono per formarne una terza” (Lezioni di enigmistica, S. Bartezzaghi).

Esempio:

la sciarada = lasciar Ada.

“Ma è davvero la stessa cosa?”, si chiede ancora Bartezzaghi. Non proprio:

“L’autore parte dalla parola intera e la divide, sperando di trovare due parole di senso compiuto. Il solutore parte dai membri e li unisce sperando di trovare una parola di senso compiuto”. (corsivi miei)

Ancora una volta, e sembra perfino superfluo ripeterlo, la battaglia del senso si gioca sul fronte doppio della ricomposizione del simbolo e dipenderà dall’accanita e solidale collaborazione tra chi guarda e chi è guardato.
La parola-mostro, “Vaniada”, sembra ora riproporsi cupamente come un nuovo e più insondabile enigma. Dove porremo noi il coltello invisibile che ci separa da quest¹opera? Lungo la nera I che divide i due nomi amati? Sì, forse proprio lungo l’ultrasottile I (E in russo), taglio lacerante, divisione-congiunzione nel titolo-parola dello spettacolo finale, quello che per concludere davvero dovrà forse arrivare a dire che non si può mai veramente concludere.

Fanny & Alexander
Ada, cronaca familiare

VANIADA
per Ada, Van, video, pianoforte e macchine del suono
9, 10, 11, 12, 13 novembre 2005
ore 20:30 e 22
(prenotazione obbligatoria)

Milano
Teatro i
Via Gaudenzio Ferrari 11

____________________

D. Alfavita. (La Sciarada)
laboratorio condotto da Chiara Lagani
con la partecipazione di Stefano Bartezzaghi e Margherita Crepax

10, 11, 12, 13 novembre 2005
(ore 15 -18)
Milano
Centro Teatro Attivo

via Ampere 30

per informazioni e iscrizioni:
Fanny & Alexander
tel. 0544.687460 – 347.1210296
info@fannyalexander.org

Fanny & Alexander nell’archivio di ateatro

86.15 Santarcangelo haiku
Qualche spettacolo dal festival 2005
di Oliviero Ponte di Pino

75.67 La forza di una bottega d’arte
Non solo una compagnia teatrale
di Fanny & Alexander

72.81 Il nuovo cinema che viene dal teatro: sei compagnie emiliano-romagnole e un inedito progetto per il cinema italiano
Fanny & Alexander, Motus, Societas Raffaello Sanzio, Teatro delle Albe, Teatrino Clandestino, Zapruder, Downtown Pictures e Regione Emilia-Romagna
di Associazione Luz

70.71 Le recensioni di “ateatro”: Rebus per Ada
di Fanny & Alexander-A. Zapruder Filmakersgroup per Riccione TTV expanded theatre
di Oliviero Ponte di Pino

63.16 Ritmo e misura per un teatro possibile
I soldi, l’anima e il corpo nel paese di Michelangelo
di Teatro delle Albe/Ravenna Teatro, Fanny & Alexander e Cristina Ventrucci

62.80 Lettera aperta al teatro italiano
(e a un paese che ci sta vomitando)
di Fanny & Alexander

55.52 Le recensioni di “ateatro”: Ada, cronaca familiare. Ardis I (Les Enfants maudits)
di Fanny & Alexander
di Oliviero Ponte di Pino

36.6 Raffaello & altro
Riccione TTV 2002 XVI edizione
di Silvana Vassallo

25.4 L’Alchimie du Verbe tra Arthur Rimbaud e Fanny & Alexander
Ovvero come (non) diventare adulti
di Luigi De Angelis

19.3 La musica delle parole
Intervista a Luigi Ceccarelli
di Oliviero Ponte di Pino

Teatri 90 – terza edizione (1999)

Teatri 90 (1998)

Casuali frammenti da una conversazione con Fanny & Alexander (ovvero Chiara, Luigi e Stefano)

Chiara_Lagani

2005-11-05T00:00:00

Share



Tag: #Romanziteatrali (19), Fanny&Alexander (16), NabokovVladimir (3)


Scrivi un commento