Un progetto di decentramento e di circuito

Teatri Possibili

Pubblicato il 29/10/2004 / di / ateatro n. #BP2004 , 075 / 0 commenti /
Share

CHI SIAMO
Teatri Possibili
è un grande comunità artistica, un movimento aggregativo che ha come scopo la produzione, la diffusione e la circuitazione del teatro, attraverso l’educazione al teatro, la produzione di spettacoli e la formazione di nuovi artisti e di un nuovo pubblico.

Ideatore e fondatore è l’attore e regista Corrado d’Elia .

Nata come Associazione Culturale a Milano nel 1996, si trasforma prima in società di produzione e gestione di eventi e manifestazioni teatrali e dal 2002 in un Circuito Teatrale Indipendente, con le sedi di Legnano, Lugano, Milano, Monza, Trento, Roma, Verona, Firenze e Ancona.
Ogni sede ricalca il modello milanese con proprie specificità territoriali.
Tra le realtà teatrali più attive presenti sul territorio nazionale, la compagnia circuita con gli spettacoli in tutta Italia e all’estero.

Teatri Possibili è riconosciuta dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.

È anche una Comunità virtuale perché il sito www.teatripossibili.it (tra i siti di teatro più visitati in Italia) raccoglie e diffonde le informazioni delle varie sedi, ospita un forum di discussione comune, e offre anche a chi non appartiene alla comunità un servizio gratuito e aggiornato sui casting di teatro, cinema e pubblicità.

Gli obiettivi del circuito
· Incentivare la produzione, la distribuzione e la circuitazione di spettacoli sul territorio nazionale e sovranazionale.
· Promuovere l’aggregazione culturale nelle singole comunità del circuito che si coordinano per gli scopi e i servizi comuni.
· La riqualificazione culturale e la valorizzazione del territorio locale nel rispetto della sua autonomia.
· L’ unione, il rafforzamento e il coordinamento di realtà locali, punti di riferimento riconosciuti per le attività culturali e di spettacolo dei territori prescelti, in piena sintonia con le strategie culturali delle Amministrazioni Locali.
· L’aiuto e la mutua assistenza di tutte le realtà tra di loro, coordinando gli sforzi e ottimizzando le risorse.
· La circuitazione degli spettacoli e non dell pubblico, invertendo la tendenza di chi abita in provincia di andare a teatro nei grossi centri
· favorire la nascita, lo scambio e la diffusione di nuove idee, iniziative e conoscenze tra tutte le realtà del circuito
· La formazione di un nuovo pubblico
· La scoperta di nuovi talenti

Il lavoro sui territori

La creazione delle Comunità TP

Su tutti i territori il circuito ha favorito, promosso e incentivato la creazione, lo sviluppo delle comunità TP attraverso:

· l’apertura di nuovi uffici sui territori, punti di riferimento per le informazioni
· l’informatizzazione degli uffici, collegati a internet attraverso linee veloci
· le riunioni con le principali realtà culturali e gli artisti locali, scegliendo poi gli interlocutori che sembravano più adatti
· la formazione di nuovi collaboratori e organizzatori attraverso corsi di organizzazione e tirocinii
· il dibattito e la relazione con gli interlocutori politici, amministrativi e culturali locali
· l’appoggio dei comuni (patrocini, sovvenzioni o appoggi logistici)
· la promozione di corsi di formazione al teatro, con l’intento di stimolare l’associazionismo, la voglia di fare teatro, la creazione di un nuovo pubblico attento e competente, ma anche offrire un approfondito percorso formativo per i futuri professionisti dello spettacolo.
· l’organizzazione di seminari, incontri ed eventi sui territori
· l’ideazione e la creazione di un software avanzato di gestione comune della comunicazione e del sito
· l’implementato delle pagine web locali, dopo test di usabilità con società leader nel settore
· la gestione di sale, stagioni o rassegne teatrali

LE STAGIONI DEI TEATRI E LA PRODUZIONE DI SPETTACOLI
La produzione teatrale è il motore fondamentale del progetto.
Ogni realtà territoriale ha forma e natura giuridica a sé stanti.
La filosofia del Circuito Teatri Possibili è di interagire con le diverse realtà nel pieno rispetto delle loro specificità.

Per questo motivo cerchiamo interlocutori già attivi sul territorio che condividano il progetto in modo da promuovere e fare produzione, in sinergia con altre realtà teatrali solide e già esistenti.

Fanno parte del Circuito Teatri Possibili:

· Teatro Libero di Milnao
· Teatro Belli di Roma
· Studio Foce di Lugano
· Teatro Villoresi di Monza
· Teatro Alcione di Verona
· Teatro Cuminetti di Trento
· Teatro Cestello di Firenze
Grazie alla creazione di carte, tessere e abbonamenti, si offre la possibilità agli spettatori di assistere agli spettacoli di tutto il Circuito ad un prezzo scontato ed accessibile, per garantire a tutti coloro che sono appassionati di teatro un posto in platea anche nelle altre città.

INVESTIMENTI

Le spese sostenute fino a questo momento sono state molto onerose e quasi totalmente auto finanziate dal nostro lavoro e dallo sbigliettamento.

Tra le principali voci di spesa del Circuito:

· Affitto e ristrutturazione sedi:
· Spese di gestione delle suddette:
· Acquisto materiale tecnico (telefoni, PC, cellulari…):
· Assunzione personale dipendente:
· Utilizzo personale in collaborazione:
· Spese di produzione:
· Spese di viaggio:
· Acquisto materiale audio e video:
· Acquisto pubblicazioni, riviste e giornali:
· Spese per la promozione:
· Spese per il restyling del sito:
· Spese per la progettazione e l’implementazione del nuovo sistema di publishing:
· Spese per il passaggio alle fibre ottiche:
· Spese per la formazione del personale:

Le convenzioni
Una delle basi fondanti del progetto è la volontà di diffondere e far girare la cultura teatrale, attraverso più canali. Grazie alle convenzioni con cinema, teatri e librerie, gli utenti del circuito godono di sconti e privilegi in tutti i principali teatri, in alcuni cinema e in molte librerie.
Il nostro intento è quello di estendere e condividere le suddette convenzioni a tutto il territorio nazionale, per creare un circuito culturale che abbia punti di riferimento in più zone d’Italia. Un circuito culturale che favorisca lo scambio e la partecipazione.

IL CIRCUITO… VIRTUALE
La commistione tra innovazioni artistiche e tecnologiche e l’intenso utilizzo di Internet e delle tecnologie di e-commerce per la promozione degli eventi, sono sicuramente tra i fattori critici di successo che hanno contribuito alla formazione di un nuovo pubblico e alla fidelizzazione degli spettatori facendo di Teatri Possibili un caso unico nel panorama italiano, e un modello di sviluppo nel settore.

L’UTILIZZO DEL WEB
Teatri Possibili è una comunità reale (fatta di artisti, di organizzatori, di frequentatori appassionati e di allievi) e contemporaneamente virtuale: il sito www.teatripossibili.it è il sito di teatro più visitato in Italia.

Attualmente gli utenti che ricevono le nostre newsletter sono 55.000

IL NUOVO SISTEMA DI PUBLISHING

La comunicazione tra tutte le comunità che compongono il Circuito Teatri Possibili è di primaria importanza: per questo abbiamo creato un sistema che consenta scambi veloci e completi di informazioni di ogni tipo.

Attraverso la condivisione di documenti on line, la possibilità di dialogare tutti, contemporaneamente, in tempo reale (utilizzando strumenti tecnologici moderni come la video-conferenza) e la consultazione di registrazioni audio e video inerenti agli spettacoli e alla scuola, le comunità sono sempre aggiornate sugli sviluppi, le modifiche e le iniziative del Circuito.

Con questo strumento le comunità possono interagire tra loro e ognuna di esse fornisce il prorio specifico e prezioso apporto alla vita del Circuito.
Il tutto avviene con un nuovo sistema di Publishing studiato ad hoc per la nostra realtà. Con l’aiuto di programmatori e personale esterno abbiamo pensato e creato un sistema che permette l’aggiornamento delle informazioni presenti sul sito e sulla intranet. L’intranet è una rete è che consente la condivisione di documenti e la creazione di un archivio . Ciò permette di migliorare la gestione e il flusso delle informazioni sia verso l’interno che verso l’esterno.

Con l’acquisto di uno strumento di statistiche e reportistica abbiamo la possibilità di verificare i risultati dell’investimento.

Attraverso l’utilizzo di un hosting professionale con backup e firewall abbiamo la possibilità di salvaguardare i nostri dati e creare uno storico, proteggere i documenti da intrusioni, incrementare le performances e personalizzare i servizi.

Grazie all’implementazione e personalizzazione di uno strumento editoriale dedicato alla newsletter ed alla gestione delle comunicazioni di massa come i comunicati stampa, la promozione di iniziative e la comunicazione interna, abbiamo la possibilità di aggiornare quotidianamente gli utenti sulle iniziative e le novità riguardanti il settore teatrale.

La creazione di nuovi servizi ed il miglioramento di quelli già esistenti immergono coloro che si rivolgono a noi tramite il sito in un mondo che miscela cultura teatrale e multimedialità: prenotazione, acquisto di biglietti, iscrizioni a corsi e seminari on-line, consultazione di un archivio multimediale, webcam per video-conferenze e prove degli spettacoli in tempo reale, forum di discussione e scambio di idee, e-commerce, consulenze, possibilità di interagire direttamente segnalando le iniziative culturali del proprio territorio, sono tra gli aspetti più innovativi che caratterizzano il nostro sito, dove gli utenti saranno supportati da nuovi strumenti di navigazione studiati per guidarli nell’orientamento e nella ricerca delle informazioni.

Il tutto avviene su un portale completamente rinnovato da un restyling grafico completo che concorre all’incremento di un approccio comunicativo diretto e semplice.

Corrado_D’Elia

2004-11-01T00:00:00

Share



Tag: BPdigitale (17), BPdistribuzione (28), BPrete (21), BPspazi (34), circuiti (16), squilibrio territoriale (48)


Scrivi un commento