Le FAQ! Sostegno a un percorso di perfezionamento professionale orientato alla direzione tecnica e di produzione nello spettacolo dal vivo

La scadenza è stata prorogata al 4 maggio 2022

Pubblicato il 27/04/2022 / di / ateatro n. 183

Abbiamo ricevuto alcune domande relative al Sostegno a un percorso di perfezionamento professionale orientato alla direzione tecnica e di produzione nello spettacolo dal vivo orientato alla direzione tecnica e di produzione nello spettacolo dal vivo rivolto a un/una giovane under 28 lanciato in queste settimane dalla Associazione Culturale Ateatro, in collaborazione con Asti Teatro, Compagnia Mauri-Sturno, Mittelfest, Teatro Stabile del Friuli-Venezia Giulia e Teatro Stabile di Torino.
Una prima richiesta, che abbiamo deciso di accogliere, è stata quella di posticipare la scadenza.

La scadenza dell’avviso è stata prorogata al 4 maggio!

Il/la giovane selezionato/a riceverà

un premio di 2500 euro

per realizzare un proprio progetto individuale di formazione nel periodo compreso fra giugno 2022 e dicembre 2023 e svolgerà

stage remunerati o rapporti di lavoro a tempo determinato

presso il Teatro Stabile del Friuli-Venezia Giulia di Trieste, il Teatro Stabile di Torino e i festival Asti Teatro e Mittelfest, nel periodo dal 20 maggio 2022 al 20 ottobre 2022, per una durata complessiva non inferiore a 80 giorni.

1. Che cosa si intende per “formazione ed esperienze, anche specialistiche (tecniche e/o organizzative), che prefigurino l’incontro o l’interesse per i due ambiti”? Potete fare alcuni esempi?

Il bando è rivolto a giovani neo-diplomati/e o professionisti/e, con esperienze diverse, che vogliono allargare le proprie competenze.
E’ frequente nel mondo dello spettacolo dal vivo che un/una giovane con una formazione tecnica oppure organizzativa-amministrativa, oppure con impegni lavorativi specialistici, magari come “aiuto” o assistente in ambito tecnico, o amministrativo/organizzativo o anche artistico, provi una particolare curiosità o verifichi sul campo di avere interessi e attitudini per ambiti diversi.
Nella vita di una piccola compagnia, un/una giovane aiuto macchinista o elettricista può trovarsi a seguire aspetti amministrativi, per esempio a collaborare alla stesura e al controllo di un bilancio di produzione, a confrontare preventivi, decidere per acquisti o noleggi, e scoprire che è bravo e che gli piace.
Un/una giovane amministratore/amministratrice di compagnia, seguendo la produzione di uno spettacolo, può appassionarsi agli aspetti scenotecnici. Oppure, durante la tournée, si interessa ai problemi di montaggio e smontaggio.
Un/una neolaureato/neodiplomata, dopo molta teoria, nelle esperienze di stage (per esempio presso un festival), si è magari trovato a occuparsi prevalentemente della gestione tecnica (spazi, piani del personale), e con grande soddisfazione.
Per un/una giovane assistente alla regia, a partire dall’importanza della componente tecnica e organizzativa che può avere questo ruolo, l’avviso chiede di riflettere su queste esperienze e raccontarle: vuole incentivare gli incontri fra i due ambiti (tecnico e organizzativo) perché su questo incontro, nel tempo e senza fretta, si può costruire una professionalità.

2. Il progetto individuale di approfondimento formativo deve contenere un solo corso o più corsi? Di che durata? E’ possibile includere nel progetto corsi non ancora annunciati?

Il bando precisa che i periodi di lavoro sono previsti fra fine maggio e ottobre 2022 (grazie alla disponibilità di alcuni dei partner del progetto).
Invece il progetto formativo può essere realizzato dall’autunno 2022 a tutto il 2023. Può comprendere corsi lunghi (o parte di essi), o uno o più corsi brevi (ce ne sono molti, in Italia e all’estero), o anche nessun corso, se si orienta su altre modalità formative, come viaggi o soggiorni. Può essere dunque compatibile con altre attività.
L’importante è che ci sia un pensiero e quindi un progetto rispetto alla propria formazione.
Come abbiamo precisato in un articolo di approfondimento, sappiamo che alcuni corsi per il 2022-23 non sono ancora stati annunciati: nella selezione si considereranno validi corsi lunghi o brevi o master che siano stati organizzati con regolarità nel tempo (anche e non ancora annunciati).

3. Il progetto formativo può consistere in “assistenza a prove/allestimenti, e/o visite a teatri, laboratori, interviste con scenografi, costruttori, produttori o altro”? Insomma, il progetto può non includere corsi? E come si documenta questa attività?

Il progetto può caratterizzarsi anche solo come piano di studio-ricerca, oppure integrare corsi e ricerca. Abbiamo elencato alcune iniziative a titolo puramente indicativo. Incontrare uno o più scenografi e costruttori, visitare laboratori, magazzini, fornitori può servire ad approfondire o confrontare (magari in più paesi) modalità di creazione, produzione e realizzazione.
E’ importante che questa ricerca corrisponda a obiettivi formativi. Il progetto può non implicare ancora un piano dettagliato (date, nomi e indirizzi), ma dovrà essere presentato in modo completo e soddisfacente (studi o elaborati scritti, video, documentazione fotografica..).

4. Come avverrà la selezione?

Nel pomeriggio del 9 maggio 2022 sono previste alcune lezioni/incontri propedeutici per tutti i candidati, in presenza in Bolzano29 (via Bolzano 29A, Milano) e in streming. Nella mattinata del 10 maggio, i candidati discuteranno il loro progetto alla commissione esaminatrice e verranno informati dell’esito della selezione entro il 12 maggio.

5. Quali sono le condizioni degli impegni di lavoro previsti?

Si tratta di stage e scritture a condizioni normative e salariali coerenti con i contatti di lavoro in vigore.

6. Sono possibili modifiche nel corso del percorso formativo?

Certamente, concordandole con Ateatro.

Per ulteriori chiarimenti, segreteria@ateatro.org

L’avviso

Avviso_Borsa di studio per ricordare Graziano Pugnetti

IL LINK Scarica l’avviso.




Tag: PugnettiGraziano (11), Under28 (28)