Domande al pubblico! Stefano Romagnoli e Oliviero Ponte di Pino a Polis Festival per “Il manifesto dei diritti e dei doveri degli spettatori”

Appuntamento al Teatro Rasi di Ravenna, 8 maggio, ore 15.00

Pubblicato il 28/04/2022 / di / ateatro n. 183

L’8 maggio 2022, alle ore 15.00, nella sala Mandiaye N’Diaye del Teatro Rasi, nell’ambito di Polis Festival, si terrà con un incontro realizzato in collaborazione con Ateatro, dove Oliviero Ponte di Pino e Stefano Romagnoli (Spettatoreprofessionista) partiranno dal Manifesto dei diritti e doveri degli spettatori per incontrare gli spettatori di Ravenna. Sarà un’occasione unica in cui gli spettatori saranno gli indiscussi protagonisti. Gli gli operatori culturali del territorio sono invitati ad ascoltare e a porre “domande al pubblico”.

Di cosa parleremo l’8 maggio?

Stefano Romagnoli

Nell’incontro preliminare si sono incontrati alcuni degli spettatori di Ravenna che saranno presenti il pomeriggio del’8 maggio 2022 (grazie! grazie!!!). Sono emersi diversi spunti assai interessanti, in particolare un nodo che riguarda la comunicazione e l’informazione sul teatro e sullo spettacolo.
Sono emerse le posizioni molto diverse di due amici ugualmente appassionati, che incarnano due atteggiamenti opposti.
Alcuni spettatori, prima di andare a teatro, si informano nella maniera più completa possibile: raccolgono informazioni sugli attori e sulla compagnia, leggono il testo che verrà rappresentato, consultano il programma di sala quando è già disponibile online, partecipano a incontri preparatori.

Cosa fai prima di andare a vedere uno spettacolo?

C’è invece chi preferisce accostarsi allo spettacolo con uno sguardo “vergine”, per lasciarsi sorprendere da quello che accadrà nel “qui e ora” dell’evento teatrale.

I “Visionari” di Ravenna

Sono due modalità di approccio ugualmente legittime, che possono aiutarci a a capire una delle difficoltà che incontrano gli “spettatori potenziali”, ovvero coloro che potrebbero andare a teatro, ma non lo frequentano perché lo ritengono una attività difficile, complessa, faticosa, se non si dispone di adeguati strumenti culturali. E che dunque intimidisce e respinge ancor prima di varcare la soglia di un teatro.

Comunicare il teatro

Proveremo a partire da queste due modalità di approccio all’evento teatrale, per capire come superare questa difficoltà. In altri termini, quale informazione serve davvero al pubblico del teatro? Cosa deve offrire un teatro, un festival, una compagnia al suo pubblico? Cosa serve davvero agli “spettatori professionisti”, agli spettatori occasionali e agli “spettatori potenziali”?
L’obiettivo scoprire insieme come comunicare il teatro, per coinvolgere e attrarre gli spettatori, sia quelli già affezionati sia i nuovi pubblici, preservando la magia della sorpresa.

I LINK

Il sito di Polis Festival con il programma

La pagina di Spettatore Professionista su Facebook

PER SCARICARE IL MANIFESTO DEI DIRITTI E DEI DOVERI DEGLI SPETTATORI

La storia del MANIFESTO DEI DIRITTI E DEI DOVERI DEGLI SPETTATORI su ateatro.it

A cosa serve il teatro? (I Podcast)

Le parole del teatro




Tag: audience development (41), Il manifesto dei diritti e dei doveri degli spettatori (13)