Otellooooooooo!

Otello il nivuru di Mazzaria di Francesco Randazzo

Pubblicato il 18/01/2006 / di / ateatro n. 094 / 0 commenti /
Share

OTELLO IL NIVURU DI MAZZARIA di Francesco Randazzo è il vincitore della XIV edizione del Premio Ugo Betti (Comune di Camerino) per la Drammaturgia. L’opera è stata scelta dopo un’accurata selezione che la giuria ha fatto sui 249 copioni pervenuti.

Otello è un pescatore extracomunitario, un nero che si è perfettamente integrato a Mazara del Vallo, anzi “del Valium”, diventando un’autorità cittadina incaricata di occuparsi degli emigrati clandestini che sbarcano a Lampedusa, da lui in segreto cucinati e inscatolati a puntino. La gelosia che scatena il tragicomico finale questa volta non ha per pomo della discordia Cassio ma Emilia, la moglie di Iago, accusata di rapporti omosessuali con Desdemona, mentre è proprio Iago, travestito spesso da donna, a fare frequenti e insistenti avances a Otello (motivo del resto già implicito in Shakespeare).Tra gambe tagliate e teste mozze in un crescendo volutamente inverosimile, il finale è in due tempi: nel primo, Otello e Iago la fanno franca, addossando i delitti ai soliti extracomunitari (nonostante la testimonianza della testa mozzata ma parlante di Desdemona); nel secondo finale, raccontato epicamente da Emilia, i due delinquenti hanno quello che si meritano: Otello è ucciso in carcere e Iago viene fatto fuori dalla stessa Emilia che getta l’asciugacapelli nella vasca da bagno“.

Questa la sintesi dell’opera – permeata di “sicilitudine” e di oscenità – tratta dalla motivazione del premio al testo – già messo in scena dalla compagnia degli Ostinati – di Francesco Randazzo, giovane drammaturgo siciliano particolarmente talentuoso, che ha già saccheggiato vari altri premi nazionali; Otello è dunque un extracomunitario immigrato in Italia che ora nella zona del porto di Mazzara del “Valium” fa il pescivendolo, anzi, un vero commercio di carni umane pescate: nella sua pescheria macella, tritura, e inscatola corpi tirati su dal mare di poveracci come lui, e per tirare avanti seduce pure con toni più che espliciti, la figlia di un mafioso.

Come non ricordare che sono anni che nel canale di Sicilia – nella zona del ‘mammellone’ tra la Libia e la Sicilia – finiscono nelle reti dei pescatori non solo pesci ma cadaveri e resti di uomini e donne morti mentre tentavano di arrivare sulle coste dell’isola….. Mazzara del Vallo è effettivamente il comune italiano che registra la maggior densità di immigrati residenti, in particolare tunisini e maghrebini; ha una delle più grandi comunità islamiche in Italia e la questione dei CPT e dei nuovi centri di identificazione (“galere etniche”, le definisce il settimanale “Carta”) è ancora calda e mette in luce la debolezza della legge Bossi-Fini. Un’umanità alla deriva che nella geniale finzione drammaturgica in siciliano di Randazzo genera addirittura una nuova economia, magari “sommersa” e un bel po’ di indotto!
Sfrontata, sboccata, kitsch, addirittura oscena: l’opera è così, trama, linguaggio e personaggi sono così, eccessivi nella loro carnalità, nella loro ignoranza, nella loro nefandezza, nella loro irriverenza. In modo molto poco anglosassone le donne s’accapigliano per gli uomini, gli uomini pensano solo a fottere persone dell’altro sesso o del loro, nel magna magna generale, tra mafiosi, travestiti, fuorilegge e poliziotti accomodanti, ne esce un ritratto non così lontano dalla realtà, tutto sommato, di un mondo che s’arrangia come può, che sfrutta i deboli, che si inebetisce di reality per non pensare alle tasse, all’economia in crisi, al lavoro che non c’è. E’ l’Italia “sdemocratica” e del “confritto d’interesse” del nano milanese che garantisce Internet e inglese per tutti, ancor più marcia e ancor più prigione della Danimarca, dove chissà se davvero prima o poi, la giustizia “alla fini, ma proprio alla fini, forsi doppo della fini, attrionfa” .

Anna_Maria_Monteverdi

2006-01-18T00:00:00

Share



Tag: drammaturgia (24), Otello (3), PremioUgoBetti (2), RandazzoFrancesco ShakespeareWilliam (2)


Scrivi un commento