L’editoriale

di tnm 29

Pubblicato il 15/02/2002 / di / ateatro n. 029 / 0 commenti /
Share

Per questo secondo numero di tnm un po’ di storia.
Luigi Colagreco, autore di un’ interessante tesi sul rapporto tra teatro e cinema negli spettacoli di Leopoldo Fregoli, ci racconta l’insolito procedimento di inserimento del film all’interno della scena – il “Fregoligraph”- in cui il famoso trasformista, amico dei fratelli Lumière, mostrava, grazie proprio al cinema, i “retroscena”, i segreti dei suoi fulminei mascheramenti, ben lontano, ovviamente dalle possibilità della “diretta”, spiazzando il pubblico con la velocità di montaggio delle scenette o quadri comici e con il raddoppiamento dell’immagine sulla scena . Come ricorda Valentina Valentini: “La compresenza dell’attore dal vivo e in immagine, l’intersecarsi di vero e falso, di reale e riprodotto, forniva un particolare piacere allo spettatore, intensificando le sue capacità percettive e scoprendo inedite porzioni del reale, fuori dal campo di osservazione abituale”(V. Valentini, Teatro in immagine). Una primordiale Camera astratta? Silvana Vassallo, insegnante di “Video e teatro” all’Accademia di Belle Arti di Macerata ed esperta di arti visive, legge l’installazione video-coreografica di Thierry De Mey Deep in the wood presentata in prima mondiale alla Biennale di Venezia (“Temps d’images”, 1-10 febbraio 2002). All’artista belga Riccione TTVV (30 maggio-2 giugno 2002) dedicherà quest’anno un’intera retrospettiva.
Poi la segnalazione di uno spettacolo tecnologico dal sito théatre contemporain.
C’est tout!

Redazione_tnm

Share



Tag: teatroenuovimedia (19)


Scrivi un commento