A cosa servono, ancora, i miti greci?

Se ne parla a Milano il 27 settembre 2022 per presentare "Engramma" 194

Pubblicato il 15/09/2022 / di / ateatro n. 186

Ateatro e Bolzano29
in collaborazione con
Engramma, Teatro dei Borgia e ZonaK

presentano

A cosa servono, ancora, i miti greci?
in occasione della pubblicazione del numero 194 della rivista “Engramma”

Martedì 27 settembre 2022 – ore 18:00
Bolzano29, via Bolzano 29A, Milano (Metro M1 Rovereto)

Intervengono:
Monica Centanni (direttore di “Engramma” e professore ordinario di Lingua e Letteratura greca, Università Iuav di Venezia e Università di Catania),
Maddalena Giovannelli (docente Storia del Teatro presso USI-Università della Svizzera Italiana, Lugano),
Daniela Sacco (ricercatrice e docente presso l’Università Iuav di Venezia),
Gianpiero Borgia (Regista).

Conduce Oliviero Ponte di Pino (presidente di Ateatro).

“What’s Hecuba to him?”
Che cos’è Ecuba per lui, cos’è lui per Ecuba? Perché dovrebbe piangere per lei?
Fa chiedere Shakespeare ad Amleto.

Questo numero della rivista “Engramma”, incentrato sull’esperienza teorica e pratica di Teatro dei Borgia, è nato per tentare di rispondere a una domanda: “A cosa servono, ancora, i miti greci?”.
Rilanciamo la domanda di Amleto: “Cosa sono Medea, Filottete, Eracle per noi?”.
“Perché dobbiamo piangere per loro? Servono ancora i nomi, le storie, le figure del mito? Possono i miti greci dire il nostro presente?”.
La stessa domanda che dà il titolo al Seminario di studi che si è tenuto a Trani il 21 e il 22 maggio 2022 per iniziativa di Teatro dei Borgia e della rivista “Engramma”.

Elena Cotugno è Medea anche sulla copertina di “Engramma”

Il sommario di “Engramma” 194

A cosa servono, ancora, i miti greci?
Editoriale – a cura di Gianpiero Alighiero Borgia, Alessandra Pedersoli
Teatro dei Borgia. Riflessioni sul metodo – conversazione con Gianpiero Alighiero Borgia, a cura di Daniela Sacco
Contro l’incanto e il nichilismo. I miti di Teatro dei Borgia – Enrico Piergiacomi
Per strada con Medea. La notte che ho visto e altre percezioni – Gerardo Guccini
Su Medea. Un processo di riabilitazione al tragico – Elena Cotugno
Io, Eracle e gli invisibili – Christian Di Domenico
Filottete, il più lontano possibile… a contatto col mito – Daniele Nuccetelli
A cosa servono, ancora, i miti greci? Appunti dal Seminario di Trani, 21-22 maggio 2022 – a cura di Antonietta Magli
La Città dei Miti. Una presentazione – Gianpiero Alighiero Borgia e Teatro dei Borgia
Medea per strada – testo integrale della drammaturgia di Fabrizio Sinisi e Elena Cotugno
Eracle, l’invisibile – testo integrale della drammaturgia di Fabrizio Sinisi e Christian Di Domenico
Filottete dimenticato – testo integrale della drammaturgia di Fabrizio Sinisi, con la collaborazione di Daniele Nuccetelli

La città dei miti

La Città dei Miti è un sogno poetico metropolitano. È una trilogia composta da tre storie, Eracle, l’invisibile, Filottete dimenticato e Medea per strada che possono essere viste singolarmente o in successione.

23 + 24 + 28 + 30 settembre + 1 + 2 ottobre ore 16.45
Eracle, l’invisibile da Euripide

23 + 24 + 28 + 30 settembre + 1 + 2 ottobre ore 18.15
Filottete dimenticato da Sofocle

20 + 21 + 27 + 28 settembre ore 19.30
23 + 24 + 30 settembre + 1 + 2 ottobre nella formula Trilogia dei Miti*
Medea per strada da Euripide

23 + 24 + 30 settembre + 1 + 2 ottobre ore 15.15 e ore 16.45
TRILOGIA DEI MITI (Medea per strada + Eracle, l’invisibile + Filottete dimenticato)
In queste date gli spettacoli possono essere fruiti in successione nella formula della Trilogia.
Il percorso, della durata totale di 3 ore e 30 min ed è riservato a soli 7 spettatori.

La Città dei Miti è una delle performance urbane di POST Stagione Teatrale 2022 di Zona K.
A Milano dal 20 settembre al 2 ottobre 2022.




Tag: BorgiaTeatrodei (4), mito (3), mitoeteatro (18), tragedia (18), ZonaK (7)